mercoledì, Febbraio 1, 2023
3.5 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Lockdown, il più grande errore sanitario degli ultimi 100 anni

Da leggere

di FRANCO CAGLIANI

Il dottor Jay Bhattacharya, della Stanford University, assicura che il lockdown è stato “il più grande errore per la salute pubblica degli ultimi 100 anni”. Il professore di medicina avverte che la reclusione colpisce in modo sproporzionato i poveri e aggrava la disuguaglianza sociale.

Spiega anche che i paesi che hanno imposto i blocchi più draconiani non sono quelli che hanno avuto più successo nel controllare il virus: Conteremo per una generazione i danni catastrofici alla salute e psicologici inflitti a quasi tutti i poveri del pianeta, ha detto Bhattacharya, ribadendo: “Allo stesso tempo, non è servita a controllare l’epidemia nei luoghi in cui ha prevalso con più forza. Negli Stati Uniti, hanno protetto – nella migliore delle ipotesi – la generazione “non essenziale” dal COVID, esponendo la classe lavoratrice alla malattia. Le misure di reclusione rappresentano una scelta epidemiologica sbagliata”.

Il professore ribadisce che bisognava solo proteggere le persone vulnerabili e non per mettere de facto intere popolazioni agli arresti domiciliari: “Le persone anziane hanno un rischio molto più elevato di morire per covid rispetto ai giovani… e questa è un’informazione molto importante perché sappiamo chi sono i più vulnerabili, sono gli anziani. Infatti, il primo obiettivo della Dichiarazione di  Great Barrington è proteggere i vulnerabili. La reclusione non è un modo di vivere naturale e normale”.

Bhattacharya è uno dei coautori della dichiarazione di  Great Barrington, sottoscritta da oltre 13.000 medici ed esperti di salute pubblica. La dichiarazione afferma che “le politiche di blocco hanno effetti devastanti a breve e lungo termine sulla salute pubblica, peggiorando gli esiti delle malattie cardiovascolari, la riduzione degli screening per il cancro e il peggioramento della salute mentale, che porteranno a un maggiore eccesso di mortalità nei prossimo anni”.

Uno studio peer-reviewed pubblicato a gennaio dai ricercatori della Stanford University conclude che il confinamento obbligatorio non ferma la diffusione del coronavirus, meglio delle misure volontarie di distanziamento sociale. 

- Advertisement -

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti

error: Content is protected !!