Maroni: voglio riprendere l’eredità di Gianfranco Miglio

di REDAZIONE ”Non c’era motivo” per la rottura consumata fra la Lega e il suo ideologo Gianfranco Miglio. ”Oggi voglio riprendere la sua eredita’ e continuarla, perche’ la sua intuizione e’ il bagaglio culturale piu’ importante che la Lega ha avuto”. Cosi’ il segretario della Lega Roberto Maroni ha spiegato la volonta’ di riscoprire il pensiero e l’esempio di Gianfranco Miglio, durante una cerimonia organizzata dai Giovani Padani al municipio di Domaso, il paese sul lago di Como in cui visse il professore scomparso nel 2001. Maroni ha riconosciuto a Miglio la paternita’ del progetto di macroregione di cui la politica sta ricominciando a parlare. E ha poi ricordato i momenti in cui le strade del professore e del movimento si divisero. ”Ci fu un momento di tensione – ha detto – dovuta ad altri fattori non certo alla personalita’ di Miglio o al legame fra lui e la Lega. Il legame fra Miglio e i leghisti e’ sempre stato fortissimo. Questo incontro  puo’ servire…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche Cronache Gilberto Oneto