“NOI ITALIANI”, IL SASSICAIA E IL “COLPO GROSSO” DI UMBERTO SMAILA

de IL POLENTONE “Come si permettono di declassare l’Italia, il paese del Sassicaia, della Ferrari, del miglior cibo del mondo e bla bla bla…”? Parole e musica di Umbertone Smaila, del quale l’unico ricordo piacevole sono le “ragazze Cin Cin” del suo programmino osé. Impettito dall’orgoglio, l’ex gatto di vicolo miracoli ha usato il plurale maiestatis: “NOI ITALIANI”, capito? Nulla di nuovo sul fronte orientale, ovvio, il becero provincial-nazionalismo straccione – tipico di chi deve citare qualcun altro per sentirsi qualcuno – è nelle corde dell’italiano medio, quello tutto sussidi e poltronesofà di cittadinanza. Ma la domanda è: l’Italia è tutta Ferrari, prelibatezze economiche e Sassicaia? ‘Sticazzi! Quando ricordi a questi cialtroni del patriottismo che l’Italia è anche ridicolizzata nel mondo per… La maggior concentrazione mafiosa al mondo; Le tasse tra le più alte al mondo; I servizi pubblici tra i peggiori del mondo occidentale; La classe politica tra le più corrette al mondo; La burocrazia peggiore al mondo, dopo il Brasile forse; I ponti…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche IlPolentone