PALLADIO IN BARCA A VELA: IL NEOCLASSICO PADOVANO A NEWPORT (USA)

di PAOLO L. BERNARDINI L’influenza palladiana è stata immensa sia in Inghilterra, sia naturalmente nell’impero inglese, e in particolare nell’America del Nord. Thomas Jefferson non è che il continuatore di una tradizione di riusi, interpretazioni e variazioni del genio padovano, che continua si può dire fino ad oggi. Come è naturale nel mondo americano, le contaminazioni sono frequentissime, un edificio prettamente “colonial” può soffrire (più che esserne beneficato) da inserti neoclassici, un frontone, un colonnato, un portico, che alla fine diventano inestinguibili elementi di un “lusso” esagerato; d’altra parte maestro di contaminazioni, dal classico originale, fu anche Palladio stesso. Newport è capitale mondiale della nautica, Bellevue Avenue è considerata la strada più grandiosa d’America, e percorrendola tutta, in un giorno di inizio estate, riserva un’infinità di sorprese, non solo architettoniche: le alte “property tax” dello stato del Rhode Island forzarono molti proprietari di “mansions”, nel secondo dopoguerra, a donarle (quando non riuscivano a venderle) al comune di Newport, onde ne facesse uso museale o consimile….

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche FuoriDalMondo