venerdì, Agosto 19, 2022
18.8 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Partiti italiani: ovvero gli “scemi del villaggio”

Da leggere

di PONGO

Cerchiamo di dare una definizione dello scemo del villaggio:  lo scemo del villaggio è un individuo che rallegra, suo malgrado,  la vita dei suoi concittadini, anche con comportamenti molto particolari come, per esempio, urlare o peggio, pisciare per strada. Vive nelle piazze del paese e dorme sulle panchine ma a differenza del barbone non chiede soldi ai passanti. Pottrebbe sembrare perennemente ubriaco e infatti lo scemo del villaggio spesso lo è!

Bene, la mia impressione è che i nostri partiti politici siano “lo scemo del villaggio”, anzi purtroppo  tanti scemi. Il villaggio, ahimé,  è naturalmente  il nostro Belpaese ed i comportamenti dei partiti, da anni e  ora  incredibilmente  sempre di più, si avvicinano molto alla descrizione  dello scemo  fatta pocanzi:  i nostri partiti urlano, pisciano per strada, sembrano costantemente ubriachi e difatti lo sono con l’unica differenza che i soldi li chiedono sul serio e li hanno sempre ottenuti. Purtroppo non dormono per strada ma si concedono invece una bella vita.

I  nostri partiti sono talmente scemi del villaggio che anche dopo queste ultime elezioni non hanno capito assolutamente nulla. Dopo essere stati messi in disparte da un governo tecnico, assolutamente criticabile ma  che è il risultato della immensa scemaggine di fare qualunque cosa da parte loro, i nostri partiti non  han chiaro  che le elezioni comunali han messo in evidenza il fatto che noi cittadinii non vogliamo affatto bene agli scemi del villaggio e  invece di capire la situazione e cercare di riavvicinarsi a chi li elegge con iniziative intelligenti, perseguitano spaventosamente nella loro idiozia.

Cosa dovrebbero fare  o cosa avrebbero dovuto fare prima? Primo, non impicciarsi delle questioni di risanamento economico alle quali, a torto o a ragione, deve pensarci il governo Monti  ma dovrebbero subito, adesso,  ora, in pochissime settimane e senza perdere tempo,  modificare la legge elettorale che fa schifo e poi ridurre velocissimamente il numero dei parlamentari , tanto sono talmente degli idioti che meno sono meglio è.  E ridurre velocemente il denaro pubblico che si son presi per  spese elettorali spesso fasulle, alla faccia di un referendum passato anni fa di cui han fatto finta di niente.

I  nostri scemi del villaggio, come sempre, non stan facendo nulla, proprio niente niente niente,  non capiscono nulla, e mentre adesso la reazione ha portato per forza  Grillo alla vittoria, fra meno di un anno quando avremo le elezioni politiche, di Grillo non  ce ne sarà  uno ma almeno dieci. Ora, chiudete gli occhi e scorrete con la mente…soffermandovi sulle facce di parlamentari che vediamo ogni giorno… da almeno 15-20 anni… sono tanti… e non sono loro dei veri  scemi del villaggio?

 

- Advertisement -

Correlati

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti