lunedì, Gennaio 30, 2023
9.6 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Progetto 1619: vietato criticare la narrazione storica dell’estrema sinistra americana

Da leggere

di PHILLIP W. MAGNESS

Una bizzarra serie di eventi si sta verificando all’American Historical Association (AHA). La scorsa settimana, il presidente dell’AHA James H. Sweet ha pubblicato sulla rivista dell’organizzazione un articolo [1] sul problema del “presentismo” nella scrittura storica accademica. Secondo Sweet, un numero inquietante di storici accademici ha permesso alle proprie opinioni politiche relative al presente di plasmare e distorcere le proprie interpretazioni del passato.

Sweet ha presentato una leggera critica al Progetto 1619 del New York Times come prova di questo modello. Molti storici hanno abbracciato il Progetto 1619 per i suoi messaggi politici, nonostante i sostanziali difetti riguardanti i fatti e la loro interpretazione che contiene. Sweet ha quindi chiesto: “Come giornalismo, il progetto è potente ed efficace, ma è storia?”.
Pochi istanti dopo la pubblicazione del suo articolo online, su Twitter si è scatenato l’inferno.
Solleticata anche dal più blando suggerimento che la politicizzazione stia minando l’integrità della ricerca storica, l’ala attivista della professione storica si è manifestata sul thread dell’AHA e ha iniziato a chiedere la cancellazione di Sweet. Cate Denial, professoressa di storia al Knox College, ha guidato la carica con un thread ampiamente ritwittato [2] che invitava i colleghi a bombardare il comitato esecutivo dell’AHA con e-mail di protesta contro la rubrica di Sweet. “Non possiamo permettere che questo passi”, ha dichiarato prima di pubblicare un elenco di circa 20 indirizzi e-mail.
Altri storici attivisti si sono uniti a loro, inondando il thread con attacchi pieni di parolacce e profanità contro la razza e il genere di Sweet, oltre a chiedere le sue dimissioni per un articolo in cui ha espresso un’opinione non gradita. Le risposte [3] sono state quasi universalmente prive di sostanza. Nessuna ha messo in discussione le argomentazioni di Sweet in modo significativo. È stato sufficiente il fatto che lui si sia permesso di nutrire pensieri “sbagliati”, di mettere in dubbio il rigore scientifico di una scrittura storica infusa di attivismo e aver criticato il “Progetto 1619” anche solo in termini molto blandi.
L’editorialista del New York Times e collaboratore del 1619 Project Jamie Bouie è intervenuto [4], liquidando con disinvoltura le preoccupazioni di Sweet sulla politicizzazione dell’attività accademica in relazione alle contemporanee questioni di “giustizia sociale”. La creatrice del 1619 Project Nikole Hannah-Jones ha ritwittato gli attacchi a Sweet, anche se in precedenza aveva invocato la natura “giornalistica” ed editoriale del suo progetto per proteggerlo dalle critiche degli storici.
Altri storici attivisti, come Claire Potter della New School [5], hanno ribattuto che il Progetto 1619 è effettivamente storia di qualità accademica, insistendo sul fatto che “gran parte di esso è stato scritto da storici professionisti e premiati”. Sweet ha quindi sbagliato a definirlo giornalismo o a metterne in dubbio l’accuratezza scientifica. Le affermazioni di Potter sono profondamente fuorvianti [6]. Solo due dei dodici saggi del Progetto 1619 sono stati scritti da storici, e nessuno di loro è uno specialista del periodo cruciale tra il 1776 e il 1865, quando la schiavitù era al suo apice. Le parti controverse del Progetto 1619 sono state tutte scritte da giornalisti d’opinione come Hannah-Jones, o da non esperti che scrivono al di fuori delle loro competenze, come Matthew Desmond [7].
Questa frenesia ha ulteriormente messo in luce quegli stessi problemi della professione su cui il saggio di Sweet metteva in guardia. David Austin Walsh [8], storico dell’Università della Virginia, ha criticato tutti gli storici che offrano una qualsiasi critica pubblica ai difetti del Progetto 1619 – indipendentemente dalla loro validità – perché tali critiche “saranno strumentalizzate dalla destra”. Nella visione iperpolitica del mondo di Walsh [9], l’accuratezza storica è del tutto subordinata agli obiettivi politici del progetto. Il peccato compiuto da Sweet[10] dicendo la verità sui difetti del Progetto 1619 è stato quello di essere “volontariamente cieco alle prevedibili conseguenze politiche dei [suoi] interventi pubblici”. Qualsiasi argomentazione che non sia a favore di una ristretta fascia di attivismo politico di estrema sinistra non è solo inadatta a essere condivisa, ma deve essere soppressa.
A poche ore dal tweet originale dell’AHA sull’articolo di Sweet, la campagna di cancellazione era in pieno svolgimento. Prevedibilmente, l’AHA ha ceduto ai censori.
Un giorno dopo la pubblicazione dell’articolo incriminato, l’AHA ha twittato [11] le “scuse pubbliche” di Sweet. Si tratta di una confessione forzata, in cui si riconosce il “danno” e il “pregiudizio” presumibilmente causati dal semplice fatto di aver sollevato questioni sulla politicizzazione dell’attività accademica per fini di attivismo politico apertamente ideologici. Non importa che le critiche di Sweet fossero lievi e ricche di sfumature, o che provenissero da una prospettiva di centro-sinistra che criticava anche gli storici conservatori per aver politicizzato il dibattito sul diritto alle armi. Sweet è stato riconosciuto colpevole di aver sottolineato che l’attivismo politico di parte mina il rigore scientifico quando i confini tra le due cose si confondono, perché la stragrande maggioranza di questo attivismo all’interno della professione di storico proviene attualmente da sinistra. E per questo, gli stessi attivisti hanno estratto una lettera di scuse ossequiose. Il suo testo, riprodotto qui di seguito, suona come una “sessione di lotta” in stile maoista [12] per il pensiero sbagliato accademico.
“Messaggio di James H. Sweet (agosto 2022)
La mia rubrica Perspectives on History di settembre ha suscitato rabbia e sgomento in molti colleghi e soci. Mi assumo la piena responsabilità di non aver trasmesso ciò che intendevo e del danno che ha causato. Speravo di aprire una conversazione su come “fare” storia nell’attuale contesto politico. Invece, ho precluso questa conversazione a molti membri, causando un danno ai colleghi, alla disciplina e all’Associazione.
La rubrica mensile del presidente, uno dei privilegi della carica elettiva, è un megafono per i soci e per la disciplina. Le opinioni e i pareri espressi in quella rubrica non sono quelli dell’Associazione. Se il mio tentativo di provocazione ha dimostrato qualcosa, è che i membri dell’AHA sono più che mai attivi e forti. Se qualcuno ha delle critiche che è stato riluttante o incapace di pubblicare pubblicamente, si senta libero di contattarmi direttamente.
Mi dispiace sinceramente di essermi alienato alcuni colleghi e amici neri. Sono profondamente dispiaciuto. Nel mio maldestro tentativo di attirare l’attenzione sui difetti metodologici del presentismo teleologico, ho lasciato l’impressione che le domande poste dall’assenza, dal dolore, dalla memoria e dalla resilienza siano in qualche modo meno importanti di quelle poste da posizioni di potere. Questo non è assolutamente vero. Non era mia intenzione dare questa impressione, ma la mia provocazione ha mancato completamente il bersaglio.
Mi scuso ancora una volta per il danno che ho causato ai miei colleghi storici, alla disciplina e all’AHA. Spero di riscattarmi nelle future conversazioni con tutti voi. Sto ascoltando e imparando.”
Le scuse di Sweet hanno entusiasmato l’ala attivista della professione, ma non sono servite a placare le loro ire [13]. Le richieste [14] di dimissioni [15] sono continuate, perché le scuse di Sweet erano “insincere” e perché le sue argomentazioni sarebbero state usate dalle persone “sbagliate”, cioè da chiunque dissenta da un particolare tipo di ortodossia attivista progressista. La semplice critica al Progetto 1619 farebbe il gioco di “persone di destra, nazisti e altri attori in malafede” che potrebbero usare il commento di Sweet “al servizio del suprematismo bianco e della misoginia”, ha annunciato Kevin Gannon [15], uno storico noto soprattutto per aver rimproverato altri studiosi su Twitter quando si discostano dall’ortodossia di estrema sinistra che vanno per la maggiore nella professione.
In questo ramo del mondo accademico, non importa se il Progetto 1619 sia accurato o veritiero nei fatti. L’unica preoccupazione è se la sua narrazione possa essere utilizzata come arma per una causa politica o per difendere questa narrazione da qualsiasi scrutinio o controllo. Come spesso accade nelle crociate politiche pseudo-moraleggianti del mondo accademico, le richieste più forti contro Sweet sono arrivate dagli accademici meno produttivi: storici con un curriculum scarno e con poche ricerche scientifiche originali a loro nome, anche se mantengono feed Twitter 24/7 di commenti politici progressisti.
Lora Burnett [16], una delle più accanite sostenitrici della censura dopo la pubblicazione dell’articolo iniziale, si è scagliata contro Sweet, annunciando che “queste scuse sono state sostanzialmente un “mi dispiace di averti reso triste, ma ho ancora ragione”. Ha continuato [17]: “Scusarsi per ‘un’espressione inarticolata’ è apparentemente più facile che ammettere di avere argomentazioni errate, affermazioni non supportate e asserzioni di fatto non corrette”. Si noti che Burnett e gli altri detrattori non si sono mai preoccupati di spiegare in che modo l’argomentazione di Sweet fosse errata o non supportata. Né hanno tentato di scrivere una confutazione, che avrebbe potuto produrre un dialogo costruttivo sul ruolo dell’attivismo politico nel plasmare la ricerca storica. Hanno ritenuto sufficiente denunciarlo come colpevole di avere opinioni sbagliate. A prescindere da qualsiasi scusa potesse presentare Sweet, la campagna per la sua espulsione dalla, decisamente maleducata, professione storica sarebbe continuata.
Nel frattempo, il resto del mondo ha iniziato a prendere atto del bizzarro spettacolo che si stava svolgendo nella principale organizzazione professionale di un’importante disciplina accademica. Quando le critiche si sono moltiplicate sul feed Twitter dell’AHA, l’organizzazione ha deciso di chiudere completamente il dibattito. Ha bloccato il proprio account Twitter e ha inviato un messaggio ai membri denunciando le reazioni pubbliche come il prodotto di “troll” e “attori in malafede”.
Si tenga presente che solo 24 ore prima, l’AHA non aveva problemi con centinaia di storici attivisti che inondavano i loro thread con comportamenti molesti da parte di attori in malafede. Ha tollerato minacce di censura rivolte al suo presidente, inviti a inondare le caselle di posta elettronica personali del suo consiglio direttivo con messaggi molesti e denunce di Sweet, e decine di attacchi blasfemi, sessisti e personalmente degradanti contro lo stesso Sweet. Non ci sono state denunce da parte dell’AHA di questi “troll” o del loro comportamento “spaventoso”, né dichiarazioni che invitassero a un “discorso civile” mentre le folle attiviste di storici da Twitter inondavano il thread originale con commenti al vetriolo e attacchi ad hominem contro Sweet.
Purtroppo, questo tipo di belligeranza non professionale è ormai la norma su History Twitter [18]. Non sarebbe mai tollerato da nessun’altra prospettiva che non sia quella dell’estrema sinistra, ma viene valorizzato nella professione finché serve a quel particolare insieme di obiettivi ideologici.
L’ironia finale è che l’AHA ha chiuso il suo feed Twitter al pubblico solo quando non poteva più limitare la conversazione alla folla di attivisti che chiedevano la cancellazione di Sweet. È lo stesso tipo di chiusura intellettuale contro cui “l’offensivo” articolo di Sweet metteva in guardia nel suo passaggio finale: “Quando limitiamo o modelliamo il racconto della storia per giustificare le posizioni politiche contemporanee piuttosto che informare, non solo miniamo la disciplina, ma minacciamo la sua stessa integrità”.

(Traduzione di Pietro Agriesti)
Note:
- Advertisement -

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti

error: Content is protected !!