FANTA-POLITICA, QUANDO IL TOTALITARISMO È SMASCHERATO DAI ROMANZI

di CHARLIE PAPINI Quante volte ci capita di leggere aforismi di autori di fantascienza o fantapolitica, postati su Facebook, a dimostrazione che la tanto decantata democrazia, in realtà assomiglia sempre più a una tirannia? Aldous Huxley, ad esempio, scrisse: “A sostenere un governo oppressivo e non liberale è lo stesso popolo soggetto ai suoi controlli soffocanti, per essere coscienti della propria libertà occorre essere innanzitutto coscienti di sé stessi. Da ciò si arriverà spontaneamente alla consapevolezza di quello che ci circonda”. E’ il solito, famoso silenzio dei più buoni, quelli che accondiscendono ad ogni nefandezza della classe politica. Del resto, come ha scritto David A. Cowan in suo bel saggio, non è un caso che certa letteratura abbia inondato il piccolo schermo, ma anche Hollywood da diversi decenni. Non più di un anno fa, è stato realizzato anche il film tratto dal romanzo di Ayn Rand, Atlas Shrugged (La rivolta di Atlante), ancora oggi tra i libri più venduti in America dopo la bibbia. Nel saggio di…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche ControPotere