PUIGDEMONT, BLOCCATI MANDATO D’ARRESTO ED ESTRADIZIONE

di REDAZIONE

“La giustizia belga riconosce la nostra immunità e decide di sospendere il mandato di arresto ed estradizione!”. Lo scrive su Twitter l’ex presidente catalano Carles Puigdemont, a cui è stato riconosciuto lo status di eurodeputato soltanto sette mesi dopo la sua elezione al parlamento europeo, insieme al suo ex ministro Toni Comin. I due erano fuggiti in Belgio all’indomani del tentativo di secessione nell’autunno del 2017, ma lo scorso 20 dicembre sono entrati al Parlamento europeo e hanno ricevuto l’accredito. Adesso potranno sedere in aula a Strasburgo.

“Ora stiamo ancora aspettando il rilascio di Junqueras”, ha proseguito Puigdemont precisando che l’indipendentista catalano, condannato a 13 anni di reclusione per sedizione, “ha la nostra stessa immunità”. “La Spagna deve agire come ha fatto il Belgio e rispettare la legge”, ha concluso Puigdemont. Lo scorso 30 dicembre l’Avvocatura dello Stato spagnola ha chiesto alla Corte Suprema del Paese di autorizzare Oriol Junqueras ad uscire temporaneamente dal carcere per svolgere le sue funzioni di eurodeputato.

La giustizia belga ha sospeso l’estradizione anche per l’indipendentista catalano Toni Comin. Lo scrive lo stesso Comin in un tweet: “La giustizia belga sospende l’ordine europeo (la procedura di estradizione verso la Spagna, ndr) contro Puigdemont e Comin per l’immunità” ottenuta in quanto sono stati riconosciuti deputati europei. (Ansa)

Rubriche FuoriDalMondo