REFERENDUM AUTONOMIA, MARONI: SENTIRÒ ZAIA E DECIDEREMO LA DATA A GIORNI

di FRANCO CAGLIANI Non c’è come l’avvicinarsi delle elezioni per scatenare i politici in un’orgia di promesse. In questo i leghisti sono dei maestri, forti degli insegnamenti di Umberto Bossi. In Regione Lombardia governa uno dei migliori allievi del “capo” e dato che la prossima tornata elettorale per la guida della Regione si terrà nel 2018, in primavera, la sua ricandidatura è già confermata da tempo. Ma le elezioni generali anticipate potrebbero essere un’occasione politica per rilanciare una delle promesse mai mantenute, quella del referendum per l’autonomia: “Se a maggio Renzi dovesse stravincere le primarie del Pd – dice Maroni – potrebbe succedere che per Gentiloni è giunto il momento di lasciare e si potrebbe votare in ottobre. E siccome per le politiche e le regionali abbiamo già votato insieme nel 2013 per risparmiare, vorrei evitare adesso di andare al voto due volte. Si potrebbe quindi pensare – spiega il governatore lombardo – ad anticipare di qualche mese la fine della legislatura anche in Regione. Ma al momento è solo…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche Palazzacci