lunedì, Agosto 15, 2022
21.2 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Regionali in veneto, la corte d’appello decide i consiglieri eletti

Da leggere

zaia soledi FIORENZO PIEROBON

Dopo due settimane dalle elezioni regionali, solo oggi si viene a sapere quali saranno gli eletti, che finiranno per sedere sugli scranni del Consiglio presieduto da Luca Zaia. Una vicenda che puzza di italianità lontano un miglio, anche perché a deciderlo è stata la Corte d’Appello di Venezia, che ha notificato in Regione la proclamazione del nuovo presidente del Veneto Luca Zaia (che avrà ora dieci giorni di tempo per formare la giunta), e dei consiglieri eletti, ponendo così fine al tourbillon di ricorsi presentati nei giorni scorsi dagli esclusi.

Quali sono le novità, anzi i colpi di scena? Non pochi! A Belluno salta il sindaco di Santo Stefano di Cadore Alessandra Buzzo (Veneto Civico) ed entra Franco Roccon (Indipendenza Noi Veneto), che va a sostituire a Venezia la consigliera diventata famosa per essere stata eletta con 90 preferenze, Ilaria Padoan.

A Padova a casa il sindaco di Carceri Tiberio Businaro (Zaia Presidente) e quello di Albignasego Massimiliano Barison (Forza Italia) ed entrano l’ex vice governatore Marino Zorzato (Ncd) e l’ex assessore regionale all’Ambiente Maurizio Conte (Lista Tosi).

A Treviso salta il presidente della Provincia Leonardo Muraro (Lista Tosi, contestatissimo dai leghisti) ed entra il sindaco di Oderzo Pietro Dalla Libera (Veneto Civico). A Venezia saltano i medici chioggiotti Massimo Mancini (Ncd) e, appunto, Ilaria Padoan della lista indipendentista pro-Zaia ed entrano Otello Bergamo (Forza Italia) e Gabriele Michieletto (Zaia Presidente). Il profilo del consiglio, dopo le prime simulazioni, ne esce dunque completamente stravolto.

E’ finita? Forse, perché pare ci siano ancora dei ricorsi pendenti…

- Advertisement -

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti