ROSSO ISTRIA, IN ITALIA È VIETATO MOSTRARE I CRIMINI DEI COMUNISTI

di LEONARDO FACCO Hai voglia di inserire in calendario la giornata delle foibe (si celebra il 10 febbraio), in un paese devastato dal collettivismo e intriso del peggior becero-comunismo ideologico, fare cultura alternativa – che non è altro che riuscire a divulgare qualche idea e tanti fatti non mainstream – è impossibile. Se tocchi l’impalcatura di morti e crimini su cui si fonda la dottrina marxista, o rimani ai margini o finisci nell’oblio? Ricordate Simone Cristicchi? Era un cantautore molto apprezzato, fino a quando non ha toccato le Foibe, spettrale tabù ben nascosto dai nipotini delle peggiori belve rosse. Cristicchi ha voluto dedicarsi al revisionismo storico con Magazzino 18, una rappresentazione teatrale sull’esodo istriano. Risultato? Scomparso dalle scene e dalle tv! Fascismo e Nazismo (gli eredi meno violenti e genocidi del Marxismo-Leninismo) vanno disapprovati quotidianamente, anche più volte al giorno. E ci sta anche bene! Ma i crimini rossi no, quelli restano nel dimenticatoio della storia di regime democratico. E torniamo alle Foibe allora. Già in…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche ControPotere