di GILBERTO ONETO Si dice che chi dimentica la storia sia condannato a riviverla. In questi giorni è tutto un affannarsi attorno all’idea di andare sulle coste libiche ad affondare navi e barconi per impedire che imbarchino clandestini e ce li scarichino sulle coste. Alcuni di quelli che la propongono hanno l’aria compiaciuta di chi…

di IGNACIO M. GARCIA MEDINA Che dire the “The Wall”? Da questo album musicale dei Pink Floyd, trasformato in un film (o lungo video musicale) di Alan Parker, sottolineo la canzone “Another Brick In The Wall” per i testi, il messaggio e il potere visivo antistatalista. Questa canzone dei Pink Floyd, forse la più conosciuta…

QUELLA GRAN CANAGLIA DELLO STATALISTA EFFICIENTE

di AURELIO MUSTACCIUOLI Lo statalista è colui che non condanna la spesa pubblica, la vorrebbe efficiente. Questa cosa però è una contraddizione in termini. Non può esistere spesa pubblica efficiente per due motivi: a) La spesa pubblica non è indirizzata dal mercato a soddisfare le utilità dei cittadini, ma è determinata da burocrati, quindi è…

di CHARLIE PAPINI Nel 1989, sotto le macerie delle sue imposture, è crollato ufficialmente (ma non realmente) il comunismo. Eppure, ancor prima che il Muro di Berlino venisse giù, Ludwig von Mises aveva prospettato senza mezzi termini la fine del socialismo, nonostante la propaganda continuasse a perorare le cause di un sistema sorretto perlopiù dal…

La Leonardo Facco Editore, in collaborazione con goWare, ha arricchito il proprio catalogo con un altro classico del pensiero libertario: L’imposta sul reddito. La radice di tutti i mali di Frank Chodorov. Si tratta del primo libro tradotto in lingua italiana di questo brillante esponente della Old Right, la Vecchia Destra libertaria e antistatalista duramente…

CHI PENSA DA LIBERALE COERENTE È CONSIDERATO UN ERETICO

di PAOLO L. BERNARDINI Il senso di isolamento che un pensatore liberale prova viene temperato soltanto dalla constatazione che al mondo egli non è solo. Ma viene da pensare che se anche non è solo, la compagnia in cui si trova è davvero esigua, a ben vedere. Pochi ma buoni, o forse, pochissimi e ottimi.…

DELL’INDIPENDENTISMO VENETO, TRA SOGNI E REALTÀ

di ENZO TRENTIN Premettiamo che l’analisi o speculazione politica che segue prende le mosse dall’immagine di cui sopra rintracciabile sui social media. Il nostro scrivere, dunque, è come quello di uno che sta fuori e guarda dentro; le nostre parole possono – ed è giusto così – avere solo un’influenza limitata. Del resto la “scienza…

LIBERALISMO, NEOLIBERALISMO E I POLITICANTI CIARLATANI

di ARMANDO RICCARDO STRINGHINI I risultati storici del Liberalismo non sono mai stati superati. Ha proclamato l’individualismo e garantito la sicurezza della proprietà privata, ha allertato sul pericolo che incarna lo Stato, rafforzando così la libertà individuale. Combattendo il protezionismo e determinando la fine del mercantilismo diffuse il libero commercio, consentendo una crescita economica mai…

IL “VENETO FELICE” DI COMISSO NON È AFFATTO TALE

di PAOLO BERNARDINI L’anno scorso, 2019, cadeva il cinquantenario della morte di Giovanni Comisso (1895-1969). Mi ero ripromesso di scrivere qualcosa per l’occasione, e lo faccio, ma con lieve ritardo. La questione che mi pongo non è tanto squisitamente letteraria, quanto, data la sede dell’intervento, politica. In che misura una grande generazione, e più di…

di FABIO GHISELLI Gentile Direttore, desidero innanzitutto ringraziarLa per l’attenzione rivolta al mio commento pubblicato su Il Sole 24 Ore del 25 gennaio scorso e al mio libro Giù le tasse (VEDI QUI), ma con stile!, ed. F. Angeli, richiamati nell’articolo “Su le tasse”, ma con stile, dicono al Sole 24 Ore” a firma di…

di ENZO TRENTIN Un esempio celebre di dissonanza cognitiva è rappresentato nel racconto “La volpe e l’uva”, tratto dalle Favole di Esopo, in cui la dissonanza fra il desiderio dell’uva e l’incapacità di arrivarvi conduce la volpe a elaborare la conclusione che “l’uva è acerba”. Ecco l’ennesima dissonanza cognitiva: «Mettiamo soldi in tasca ai cittadini…

di LEONARDO FACCO Cari amici, cari lettori eccoci qua! Come qualcuno di voi avrà intuito, il 3 Maggio prossimo a Bologna, il FESTIVAL DEI LIBERTARI che sto organizzando, non sarà solo l’occasione per sentire e conoscere il grande economista argentino JAVIER MILEI (vedi qui), ma sarà la giornata del mio saluto a tutti quanti voi,…

CADUTO IL MURO, IL NEOMARXISMO È DILAGATO IN OCCIDENTE

di DANI ALROGHI Ho recentemente letto il libro “l Muro di Berlino e i suoi Calcinacci – cosa c’è da festeggiare?” di Leonardo Facco, uscito a novembre del 2019. Personalmente l’ho trovato molto valido ed interessante e consiglio la lettura a chiunque voglia approfondire la critica a 360 gradi al marxismo/comunismo. In questo libro vi…

di ROBERTO BOLZAN L’avvocato, tipo Philip Marlowe, ha i piedi sulla scrivania e pare saperla lunga sulla vita. E ha la segretaria nella stanza accanto dell’ufficietto da squattrinato. Qui, dobbiamo dire, abbiamo avuto un mancamento e abbiamo dubitato di Clint. Ci vedevamo già le scene successive con la tv accesa a mostrare film in bianco…

DI H.L. MENCKEN 1. Tutte le elezioni sono una sorta di asta anticipata di beni rubati. 2. Un buon politico è inconcepibile più o meno come uno scassinatore onesto. 3. La democrazia è una fede patetica nella saggezza collettiva dell’ignoranza individuale. 4. La democrazia è anche una forma di venerazione. E’ la venerazione degli sciacalli…

QUESTI POLITICI SONO PERICOLOSI PERCHÉ…

di MAURO MENEGHINI Fatto è che questa casta di politici non è perniciosa in quanto si permettono lussi, agi e sprechi. Sono pericolosi perché abbiamo a che fare con una casta dell’orrore del potere mondiale che vogliono fare dei 30 Paesi europei una nuova Unione Sovietica per potersi misurare sul piano mondiale con gli USA…

di ENZO TRENTIN Lucio Anneo Seneca agli albori dell’era cristiana diceva: «È turpe dire una cosa e pensarne un’altra, ma più turpe ancora lo scrivere una cosa mentre l’animo te ne detta un’altra.», e Charlotte Brontë nella prima metà del XIX secolo osservava: «La coerenza è il primo dei doveri di un cristiano.» insomma, passano…

UN VENETO CHE SPROFONDA ANCHE PER COLPA DEI VENETI

di ENZO TRENTIN Il libro di Curzio Malaparte («Tecnica del colpo di Stato») uscì in Francia nel 1931, proibito in tutti quegli Stati dove «le libertà pubbliche e private erano soffocate, o soppresse». Violentemente attaccato da Lev Trockij, bruciato per volontà di Adolf Hitler «sulla pubblica piazza di Lipsia, per mano del boia, secondo il…

GUSTAVE DE MOLINARI, IL PRIMO VERO ESTREMISTA DELLA LIBERTÀ

di MURRAY NEWTON ROTHBARD Leggendo il saggio Gustave de Molinari, first anarcho-capitalist, scritto da Murray N. Rothbard, di tutti i principali economisti libertari francofoni di metà e fine XIX° secolo, il più insolito fu il belga Gustave de Molinari. Nato a Liegi, figlio di un medico belga barone che era stato ufficiale dell’esercito napoleonico, Molinari…

di ENZO TRENTIN Iniziamo con il consiglio di un legale che chiede l’anonimato: «Se hai la legge, martella con la legge. Se hai i fatti, martella con i fatti. Se non hai né legge né fatti, martella il tavolo». In questo articolo, dunque, continueremo a martellare con i fatti. La linfa del metodo democratico dovrebbe…

di MURRAY N. ROTHBARD Vale la pena menzionare le scuole di filosofia politica nell’antica Cina. Sebbene notevole per certe sue intuizioni, l’antico pensiero cinese non ebbe praticamente effetto fuori dall’isolato Impero cinese nei secoli successivi, sicché le tratteremo solo brevemente. Le tre scuole principali di pensiero politico furono quella Legalista, quella Taoista, e quella Confuciana,…

error: Content is protected !!