di GIOVANNI BIRINDELLI Per me, l’aspetto più ridicolo e comico di coloro che, da una prospettiva democratica, fanno accostamenti fra le politiche particolari degli attuali leader ‘populisti’ e quelle del fascismo e/o del nazismo, non è l’oggettiva assurdità di questi accostamenti ma il fatto che chi li fa spesso non si rende conto di condividere…

di PAOLO L. BERNARDINI Alla Scuola Grande della Misericordia, magnifico spazio ritrovato dopo esser stato tra l’altro palestra per una squadra di basket (!), s’è aperta una grande mostra multimediale dedicata al Canova (QUI). “Magister Canova” rimarrà aperta fino al 22 novembre. Vi hanno collaborato nomi insigni del mondo canoviano, un filologo classico del calibro…

di LEONARDO FACCO In medicina, il disturbo bipolare rientra tra i disturbi dell’adulto. È un disordine che può interferire con il lavoro e le relazioni interpersonali in modo rilevante e spesso si traduce in uno stravolgimento della vita quotidiana. Spesso, risulta difficile riconoscere tale disturbo e tende a peggiorare se non trattato adeguatamente. Come si…

di GILBERTO ONETO Garibaldi resta la più intoccabile delle icone sacre dell’italianità: resiste a ogni ricerca storiografica, a ogni rivisitazione o analisi – come si dice oggi – revisionista. La sua posizione resta solida per la resistenza della vulgata “ufficiale” (favorita dalla scarsa diffusione di cultura storica che per la stragrande maggioranza dei cittadini si…

di RENZO GIORGETTI Il fatto che la democrazia sia un fenomeno non solo innaturale ma anche nocivo lo si desume anche da una semplice considerazione di ordine pratico. Il suo potere si basa sul consenso numerico (la famosa maggioranza) ma questo consenso in una società di massa non è altro che una merce come un’altra,…

di LEONARDO FACCO Non ho alcuna intenzione di dissuadere chicchessia dall’usare Facebook. Ciononostante, come mi è già capitato di scrivere (vedi qui), non posso esimermi dal qualificare come preoccupante la deriva del social network inventato da Zuckerberg. Dalla “dittatura neolinguistica” al “lager ideologico” il passo è molto breve. C’era un tempo in cui su Facebook…

di REDAZIONE Il pensiero della Scuola Austriaca è oggi di una modernità straordinaria. Come si può sottovalutare l’importanza di questa scuola di pensiero sulla formazione della cultura imprenditoriale e della visione dei giovani innovatori le cui iniziative stanno cambiando le nostre abitudini? Questo libro, di agile e di facile lettura, intende analizzare i punti di…

di MAURO MENEGHINI Salvini-Di Maio non sono il problema. Salvini Di Maio sono solo un sintomo. Altri stati occidentali hanno lo stesso identico problema. Prima o poi, ma perchè non ora, dovremo porci pure quale aspetto debba avere la nostra convivenza, quale forma debba assumere la nostra società al fine d’evitare che in futuro gentaglia…

di GUGLIELMO PIOMBINI Se guardiamo ai numeri oggettivi, l’Occidente non è mai stato tanto socialista come nell’attuale epoca storica. Tutti i parametri lo dimostrano in maniera incontrovertibile. La ricchezza confiscata dai governi al settore produttivo ha raggiunto un livello (in Italia, oltre il 70% degli utili) che fino a qualche decennio fa era ritenuto incompatibile…

di LEONARDO FACCO Ieri, ho letto questa notizia: “Fallisce perché lo Stato non paga: imprenditore sfrattato dagli ufficiali giudiziari. Sergio Bramini ha dichiarato fallimento per i crediti non pagati dallo Stato. Via allo sfratto e tensioni davanti alla casa. La visita di Salvini e Di Maio all’imprenditore”. Ve lo dico fuori dai denti: non me…

di ARTURO DOILO L’unica ragione per cui la Bonino è passata alla storia della politica italiana è per via degli aborti praticati in clandestinità negli Anni Settanta. Per il resto, la sua vita pubblica s’è consumata all’ombra dell’ingombrante immagine di Marco Pannella, che negli Anni Novanta la ha scelta come “donna immagine” del partito radicale,…

di GIORGIO BIANCO Se la preoccupazione essenziale del movimento “politically correct” è di evitare che la sensibilità o l’autostima di gruppi sociali o di individui possano essere offese o sminuite da discorsi, atteggiamenti o comportamenti devalorizzanti, colpevolizzanti o derisori, è perché, secondo i suoi sostenitori, queste pratiche possono rafforzare delle condizioni di marginalità o una…

di ALESSANDRO MORANDINI La sindrome del fratello minore colpisce soprattutto i politici. Essi non di rado pensano che gli altri (il popolo che si occupa solo marginalmente di politica) siano meno razionali. A ben guardare l’apparente contraddizione tra diffusione del desiderio di indipendenza e scarso impegno nell’indipendentismo da parte dei Veneti, testimonia una profonda consapevolezza…

di ALESSANDRO MORANDINI In Veneto, più che in altre regioni, appare chiaro che una cosa è il desiderio di indipendenza dallo stato italiano, altra cosa il prezzo che si è disposti a pagare per soddisfarlo. Questa differenza riguarda anche gli indipendentisti veneti, dai quali ci si aspetterebbe un intensissimo desiderio ed un impegno esemplare; questa…

IL “FAR WEST” È QUELLO CHE STIAMO VIVENDO

di VALENTINA CAVINATO In questi giorni noto discutere molto sulla questione della libera circolazione delle armi. Ho sempre pensato che le armi debbano circolare liberamente e provo a spiegarvi le mie ragioni. Per me il far west è che quello in cui stiamo vivendo. L’onesto cittadino, con la fedina penale vergine, non può girare armato,…

di ALESSIO PIANA Il ministro dell’istruzione, Valeria Fedeli, minaccia di licenziare gli insegnanti che instaurano inopportuni rapporti troppo amichevoli con gli studenti. Io per esempio sarei senz’altro un docente a rischio. Magari sarò anche un insegnante inadeguato, ma voglio essere giudicato dagli studenti e dai loro genitori, gli unici a cui riconosco il diritto a…

di SERGIO RICOSSA La cultura per eccellenza, nella nostra storia, sembra essere una splendida cultura signorile, di cui una costante macroscopica è il punto d’onore antieconomico. Ciò è forse quanto maggiormente la oppone alla contro-cultura borghese, quale questa cerca di esprimersi a fatica di tanto in tanto. E oggi ancora i diffusi sensi ostili alla…

di PAOLO L. BERNARDINI Metafora comunemente usata, anche nel linguaggio quotidiano, quella dello Stato definito come “corpo”. Metafora che si ramifica. Dal “corpo dello Stato” ai “corpi dello Stato”, ed anche gli “organi dello Stato”, che rinviano alla corporeità, di nuovo. Il linguaggio è spia di un modo di pensare, che sì trasformato nei secoli.…

di LEONARDO FACCO Dopo aver letto un articolo degno del peggior boiardo di Stato di vecchio stampo bulgaro “contro l’Antipolitica” (il riferimento è a Carlo Stagnaro, un burocrate creatosi nell’Istituto Bruno Leoni, che ha occupato la sedia di capo di Gabinetto del ministro Calenda, intascando prebende pari a 170.000 euro all’anno), il mio disprezzo per…

di LEONARDO FACCO Nella storia moderna della libertà, uno dei personaggi meno conosciuti  – se non tra gli addetti ai lavori – è Richard Cobden. Costui era un imprenditore e commerciante, diventato famoso in Inghilterra, verso la metà dell’Ottocento, per la fondazione della “Anti-Corn Law League”. Cobden ha dato vita, insieme ad altri, alla Lega…

di ETTORE BEGGIATO  Lo stato italiano, nelle varie sedi (governo, corte costituzionale, tribunali vari), cerca disperatamente di non riconoscere il popolo veneto, tenta di negare al popolo veneto il diritto di sentirsi tale: emblematica la recente sentenza della Consulta e relativa bocciatura della legge regionale n. 28/2016 “Applicazione della convenzione quadro per la protezione delle…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi