CONSERVATORI, LIBERALI E LIBERTARI: TRE APPROCCI DISTINTI ALLA LIBERTÀ

di MANNY EDWARDS Ecco a voi la spiegazione più chiara, concisa e semplice della differenza tra conservatori, liberali e libertari. I CONSERVATORI, nel senso più ampio del termine, ritengono che ci sia un ordine naturale delle cose. Se si segue l’ordine naturale, le cose funzionano bene; se lo si viola, vanno male. Per esempio, c’è un ordine naturale nelle famiglie; se un uomo sposa una donna e si assume la responsabilità primaria di crescere i figli, si avranno i migliori risultati. Se un uomo sposa un uomo e permette allo Stato di crescere i propri figli, il risultato sarà una famiglia disfunzionale. Se si vuole una famiglia, una comunità o una parrocchia ben funzionanti, la gente deve riconoscere questo ordine naturale e rispettarlo. In altre parole, se si vuole una buona società, la gente dovrebbe essere conservatrice. Purtroppo, i conservatori moderni soffrono dello stesso difetto dei liberali; sono statalisti. Cioè, vogliono usare il potere dello Stato per costringere tutti a comportarsi come vogliono loro. Un…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche PensieroLibero