SANCHEZ APRE AI CATALANI: “FATE UN REFERENDUM PER L’AUTONOMIA”

di MARIETTO CERNEAZ Che la dipartita (politica) di Rajoy dalla presidenza del governo spagnolo e l’arrivo di Pedro Sanchez al suo posto avrebbero segnato una svolta nei rapporti tra Barcellona e Madrid lo abbiamo accennato tempo fa. Il giuramento di Sanchez, casualmente o meno, è stato quasi contemporaneo a quello dei membri del nuovo esecutivo catalano. “Primo ministro Pedro Sanchez, parliamo, affrontiamo la questione, prendiamoci il rischio, noi e voi”, disse Torra tre mesi fa, rivolgendosi direttamente al nuovo inquilino della Moncloa. Il disgelo nei rapporti tra Barcellona e Madrid è sotto gli occhi di tutti infatti, anche se rimangono in galera alcuni esponenti dell’indipendentismo. Il tempo dello scontro violento e armato per le strade, voluto da Rajoy, è un ricordo, un brutto ricordo, e adesso il primo ministro spagnolo si è persino dichiarato favorevole all’organizzazione di un referendum per l’autogoverno della Catalogna. “Vogliamo discutere e risolvere una crisi politica, chiudendola con un voto”, ha affermato in un’intervista televisiva, insistendo sul fatto che solo “con la…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche FuoriDalMondo