venerdì, Gennaio 28, 2022
2.7 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Se si finisce in ospedale 1, 2 o 3 dosi, la probabilità di uscirne è più o meno la stessa

Da leggere

di MARCO COSENTINO

Che questi prodotti (i “vaccini”, ndr) non servano a ridurre la trasmissione dei contagi è acclarato. Che proteggano parzialmente dal contagiarsi e dallo sviluppare covid lieve ce lo dissero gli studi autorizzativi (peccato che li stopparono a due mesi, così toccò a noi faticosamente scoprire che questa protezione non andava oltre i tre-quattro mesi, e ora che sia così ce lo dice anche il medesimo governo che ostinatamente all’inizio lo negava [ma mettetevi nel loro panni, non avreste fatto lo stesso anche voi?]).

Ma, almeno, vaccinarsi protegge dalla malattia grave e dai decessi. O no? Prendiamo i dati ISS, un report a caso ad esempio quello del 21 dicembre scorso (Tabella 0). Se stiamo al gioco di ISS, riferendo tutte le percentuali alla numerosità assoluta dei diversi gruppi, tutto fila e tutto torna (Tabella 1): in qualsiasi gruppo e fascia d’età e per qualsiasi esito (contagio, ospedalizzazione, decessi) l’efficacia è straordinariamente alta, sempre sopra l’80-90% (addirittura di più dei migliori studi USA, svedesi o israeliani, perfino nei vaccnati con ciclo incompleto, che in qualsiasi studio invece vanno spesso addirittura peggio dei non vaccinati: incredibiile, ma va bene così, su funziona, funziona!).

Ma per finire in ospedale bisogna prima ammalarsi, e dunque pare legittimo chedersi se la proporzione di chi si ammala e poi finisce in ospedale sia la medesima tra le diverse categorie di persone. Chi si vaccina e poi si ammala, quanto meno finisce in ospedale?

Questo ce lo dice la Tabella 2, dove le proporzioni sono riferite ai positivi di ogni categoria. E qui i vaccinati con ciclo incompleto finiscono più o meno tutti come i non vaccinati: se ti contagi, poi il rischio di ospedalizzazione o peggio è lo stesso (in arancione, valori di RRR inferiori alla soglia minima del 50%). E qualche “falla” la si intravede anche tra i vaccinati con ciclo completo, ma fortunatamente poca cosa.

E tuttavia non si può non spingere questa analisi fino in fondo, ovvero chiedendosi quanti ospedalizzati abbiano infine esito infausto. E qui è la Tabella 3 che non pare lasciare scampo: se si finisce in ospedale, la probabilità di uscirne pare più o meno la medesima, che le dosi siano una o due o anche tre. E anzi in alcuni casi aver fatto più dosi porta un un rischio in eccesso (in rosso).

Ora, i numeri sono numeri e valgono quel che valgono. Io per primo nutro serissimi dubbi sulla solidità di ogni singolo numero della tabella ISS, e ci sono probabimente millemila spiegazioni differenti per quanto ci stiamo dicendo. Ma, appunto, proprio perchè i numeri sono numeri, questo è quello che obiettivamente e ottusamente dicono, senza guardare in faccia a nessuno. Se poi un giorno questi numeri cambiassero, cambierebbe probabilmente anche quel che dicono. E noi saremo qui ad ascoltare. O almeno speriamo.

PS: questo giochetto l’ho fatto con un paio di report ISS e ha dato sempre i medesimi risultati, ma certo non si può escludere che numeri più recenti possano risultare anche più confortanti.

LE TABELLE

 

 

 

 

 

 

 

- Advertisement -

Correlati

4 COMMENTS

  1. Che la trasmissione dei contagi non si sia ridotta con la somministrazione del siero lo dicono le stesse fonti governative, d’estate gli infettati erano pochissimi e adesso vogliono misure drastiche contro le varianti. Quindi il docente universitario citato all’inizio dell’articolo consigliato non ha affermato il falso.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

Articoli recenti

error: Content is protected !!