domenica, Gennaio 29, 2023
2.1 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

“Siamo all’inizio di una carestia globale di proporzioni storiche”!

Da leggere

di REDAZIONE

Era un momento spaventoso per trovarsi al largo della costa orientale degli Stati Uniti ad Halloween del 1991. Un forte accumulo di tempeste sopra le province marittime del Canada si fuse con i resti dell’uragano Grace, formando un nuovo, epico e pericoloso Nor’easter. I venti di questa nuova tempesta superarono le 70 miglia all’ora e un’onda alta fino a 100 piedi fu misurata al largo della costa della Nuova Scozia. La tempesta non fu rinominata né come tempesta tropicale né come uragano, invece è conosciuta solo colloquialmente come la Tempesta Perfetta. Sei pescatori del Massachusetts morirono quando la loro nave Andrea Gail affondò in acque aperte, mentre la storia della tempesta e di quella tragedia divenne il soggetto di un libro best-seller e di un film di successo.

Mentre il concetto di tempesta perfetta è spesso attribuito con troppa disinvoltura nella cultura popolare, è difficile trovare una descrizione più appropriata di ciò che si sta svolgendo nei mercati agricoli globali in questi ultimi mesi. La tempesta causata dal disastro energetico europeo si è fusa con l’uragano di conseguenze derivanti dall’invasione russa dell’Ucraina, formando la genesi di una crisi generazionale nel settore alimentare che lascerà poche persone senza conseguenze. Anche se abbiamo messo in guardia su questo scenario da un po’ di tempo, dopo aver trascorso le ultime due settimane viaggiando attraverso il Midwest degli Stati Uniti, e conferendo con i nostri contatti del settore agricolo, anche noi siamo un po’ spaventati da ciò che abbiamo imparato. In un crash finanziario, la correlazione tra tutte le classi di attività converge a una sola. L’imminente crollo dell’offerta globale di cibo sarà guidato da un fenomeno simile praticamente in ogni input della produzione agricola – stanno tutti raggiungendo i massimi storici simultaneamente, la disponibilità dell’offerta sta diminuendo su tutto lo spettro, e il tempo per invertire le conseguenze peggiori dell’imminente tracollo sta rapidamente scendendo.

A parte questo, le cose vanno benissimo

Cominciamo con il prezzo dei fertilizzanti, che è salito a livelli record in tutto il mondo. Le principali risorse di azoto, potassio e fosforo – input importanti per la fertilità del suolo, la resa delle colture e il mantenimento delle piante – sono salite di prezzo in maniera verticale. L’ammoniaca è derivata direttamente dal gas naturale, e il prezzo del gas naturale al di fuori degli Stati Uniti è salito altrettanto verticalmente. Non è una sorpresa quindi che il prezzo dell’ammoniaca sia triplicato negli ultimi dodici mesi. La Bielorussia è il terzo fornitore di potassio al mondo e il suo “minatore statale”, Belaruskali, ha dichiarato cause di forza maggiore dopo le sanzioni imposte da Stati Uniti ed Europa. Il secondo fornitore di potassio a livello globale? La Russia. Forse anticipando la mossa russa sull’Ucraina, la Cina ha fermato le esportazioni di fosfato lo scorso autunno nel tentativo di assicurare un’adeguata fornitura interna. L’impatto combinato di questi eventi può essere visto nel Green Markets North American Fertilize Index, il quale traccia una serie di prezzi dei fertilizzanti a livello globale:

Il controllo delle erbacce è un elemento importante in agricoltura, così come gli erbicidi sono uno strumento insostituibile nel repertorio dell’agricoltore. L’erbicida più usato al mondo è la controversa molecola glifosato, conosciuta ampiamente con il suo marchio al dettaglio Roundup. Inventato dalla Monsanto (che ora è di proprietà della Bayer) negli anni ’70, il glifosato è stato collegato ad alcuni tumori del sangue e viene preso di mira, al fine di essere eliminato, da parte di molti gruppi ambientalisti. Nonostante queste preoccupazioni, il glifosato rimane una molecola sistematicamente importante – molti semi sono stati modificati geneticamente per essere resistenti ad esso, consentendo la sua ampia diffusione e minimizzando i danni alle colture, ed i prodotti generici hanno ampliato il mercato non appena è uscito dal brevetto della Monsanto.

Il glifosato è effettivamente poco più di un fertilizzante elegantemente modificato, contenente sia fosforo che azoto. È derivato da materiali di partenza simili – tra cui l’ammoniaca – e, come tale, il suo prezzo è salito in mezzo a carenze croniche di fornitura. Questo ha causato l’aumento del prezzo di altri erbicidi poiché gli agricoltori cercano disperatamente dei sostituti, come descritto da questo articolo su The Western Producer (enfasi aggiunta in tutto):

La tanto sbandierata carenza di glifosato è solo la prima tessera del domino a cadere, secondo un’azienda leader nella protezione delle colture: L’effetto a catena su ogni altra molecola erbicida sta cominciando a manifestarsi” – ha detto Cornie Thiessen, direttore generale di ADAMA Canada -. Stiamo vedendo un effetto domino nel mercato a causa delle difficoltà relative al glifosato. Bayer stava già avvertendo i clienti alla fine del 2021 di una potenziale carenza di glifosato”.

Se gli agricoltori lesinano sugli erbicidi al fine di superare questa stagione, questo renderà solo più difficile affrontare le erbacce in futuro. Come ci ha avvertito un esperto, basta un solo anno di incuria per fare diversi anni di danni a un campo.

Il diesel è un altro input significativo per l’agricoltura, ed anch’esso sta affrontando una crisi globale dell’offerta. Javier Blas, un editorialista di Bloomberg che si occupa di energia e materie prime e il cui account Twitter è assolutamente da seguire, ha recentemente pubblicato un articolo che lancia l’allarme:

  • “La terribile situazione relativa all’approvvigionamento di diesel è precedente all’invasione russa dell’Ucraina. Mentre la domanda globale di petrolio non ha ancora raggiunto il suo livello pre-pandemico, il consumo globale di diesel è salito a un nuovo massimo storico nel quarto trimestre del 2021. Il boom riflette la ripresa economica sbilenca post Covid, con un’impennata della domanda sui trasporti per alleviare i disordini legati alla catena di fornitura.
  • Le raffinerie europee hanno faticato a soddisfare questa ripresa della domanda. Una ragione chiave è il prezzo del gas naturale. Le raffinerie usano il gas per produrre idrogeno, che poi usano per rimuovere lo zolfo dal diesel. L’impennata dei prezzi del gas alla fine del 2021 ha reso questo processo proibitivo, tagliando la produzione di diesel.

Ancora una volta, scopriamo il ruolo vitale che il gas naturale gioca in molti settori della filiera, un tema chiave in molti pezzi di Doomberg. Con le scorte ai minimi storici e le forniture limitate, il prezzo al dettaglio del diesel negli Stati Uniti ha battuto i precedenti record. In Europa, che dipende fortemente dalle importazioni russe sia per il diesel che per il suo precursore di petrolio semi-lavorato, il mercato all’ingrosso è sul punto di rompersi. Ecco una versione aggiornata del grafico nell’editoriale di Blas:

Per quanto sia costoso alimentare le attrezzature da campo necessarie all’agricoltura, mantenerle in funzione sta diventando una sfida sempre più grande. La stessa carenza di chip che limita la produzione di automobili ha colpito l’industria delle attrezzature agricole, rendendo le nuove attrezzature e i pezzi di ricambio più difficili da trovare. Gli agricoltori dell’Iowa hanno recentemente sfogato la loro frustrazione in un convegno repubblicano sull’agricoltura:

  • “… hanno lamentato la disponibilità di pezzi di ricambio per riparare le loro attrezzature – il risultato di interruzioni pandemiche nella produzione di questi pezzi. Il rappresentante dell’Iowa Ross Paustian, R.Walcott, è un agricoltore che ha detto che il suo vicino è stato costretto a comprare una pompa idraulica per il suo trattore da una concessionaria del Nebraska perché era l’unico posto nel paese ad averla in magazzino.
  • Jim Boyer, un agricoltore della contea di Emmet, ha un simile aneddoto personale. Sta aspettando un sensore per le emissioni da 40 dollari per il suo trattore, e non è sicuro che arriverà presto: «Non posso guidare quel trattore – un pezzo di equipaggiamento da un quarto di milione di dollari – perché non posso avere quel sensore», ha detto”.

Ad aggravare queste sfide con i macchinari c’è una nascente carenza di manodopera che sta rapidamente aggiungendo pressione a questa catastrofe in erba. Anche se i problemi di lavoro negli Stati Uniti vanno ben oltre l’agricoltura, ci sono aspetti che esacerbano l’impatto sugli agricoltori, compresa l’intensità del lavoro fisico e la stagionalità di molti ruoli, così come la dipendenza da lavoratori stranieri per riempire posizioni chiave che i cittadini statunitensi hanno storicamente evitato. Questo è particolarmente impegnativo considerando gli obblighi di vaccinazione ai valichi di frontiera. Ecco un recente rapporto della Wisconsin Public Radio che descrive bene le sfide:

  • “Mentre alcune aziende agricole impiegano lavoratori tutto l’anno, Strader ha detto che molti lavori sono stagionali, iniziano a marzo e aprile e vanno fino all’autunno inoltrato, quando finisce il raccolto.
  • Con i produttori in ansia per le assunzioni di quest’anno, Strader ha detto che molte aziende agricole hanno iniziato a assumere prima del solito e hanno sviluppato un piano di emergenza per far fronte alla stagione anche senza dipendenti. Questo potrebbe significare lasciare certi mercati o ridimensionare la varietà di prodotti che stanno coltivando.

Gli agricoltori sono anche in competizione con altri settori per un pool limitato di manodopera. Il divario tra le offerte di lavoro e i lavoratori disoccupati, ma disponibili, continua ad aumentare in tutti gli Stati Uniti:

Anche supponendo generosamente che gli agricoltori possano mettere insieme abbastanza fertilizzanti, erbicidi, macchinari e manodopera per produrre un buon raccolto questo autunno, potrebbero essere lasciati ad affrontare un’altra crisi di approvvigionamento che pochi fuori dal campo hanno sul loro radar: il propano. Come Tracy Schuchart – anche lui un altro personaggio da seguire su Twitter – ha segnalato per diversi mesi, gli Stati Uniti escono dall’inverno 2021-2022 con livelli incredibilmente bassi di scorte di propano, ben al di sotto delle medie tipiche per questo periodo dell’anno:

Ecco la situazione dell’offerta sotto forma di grafico, con la regione ombreggiata che indica i livelli massimi e minimi inventariati negli ultimi sette anni:

Che cosa ha a che fare la fornitura di propano con l’agricoltura? Essiccazione del grano. Ecco un riassunto dell’importanza dell’essiccazione, da Wikipedia:

  • Centinaia di milioni di tonnellate di grano, mais, soia, riso e altri cereali come sorgo, semi di girasole, colza/canola, orzo, avena… vengono essiccati negli essiccatoi per cereali. Nei principali paesi agricoli, l’essiccazione comprende la riduzione dell’umidità da circa il 17-30% p/p a valori compresi tra l’8 e il 15% p/p, a seconda dei cereali. Il contenuto finale di umidità per l’essiccazione deve essere adeguato per lo stoccaggio.

Molte fattorie sono situate in zone rurali senza un facile accesso al gas naturale, e così circa l80% degli essiccatori di grano negli Stati Uniti, per esempio, si affidano al propano come combustibile. In un articolo che abbiamo scritto a dicembre intitolato “An Urgent Call on Line 5“, abbiamo raccontato come i politici progressisti e i gruppi ambientalisti stavano prendendo di mira un’importante arteria di gasdotti che corre dal Canada, sotto lo stretto di Mackinac, e attraverso lo Stato del Michigan. La linea 5 è cruciale per la stabilità della fornitura di propano negli Stati Uniti, eppure – nonostante la catastrofica crisi energetica in cui ci troviamo – il procuratore generale del Michigan è stato recentemente ripreso in video mentre sparava sciocchezze:

  • “Riconoscendo che la battaglia legale che sta conducendo contro la Linea 5 è una battaglia difficile e impopolare, il procuratore generale del Michigan Dana Nessel ha dato la colpa alla «propaganda» del proprietario del gasdotto, che ha detto che ha «davvero cambiato la percezione e l’opinione pubblica”.
  • Nessel ha promesso di continuare la lotta contro la Linea 5 e ha difeso i tentativi dell’amministrazione del governatore Gretchen Whitmer di chiudere il gasdotto vecchio di quasi 70 anni durante una video chat registrata con il Royal Oak Area Democratic Club. Il gruppo conservatore Michigan Rising Action ha condiviso il video con Breitbart».

Noi crediamo che siamo all’inizio di una carestia globale di proporzioni storiche. In uno sconcertante disprezzo della logica, molti politici statunitensi stanno ancora attaccando la linfa vitale della nostra stessa infrastruttura di produzione di energia, cercando di segnare punti politici contro “l’altra squadra”, incolpando i produttori di materie prime globali di prezzi troppo alti, minacciando i produttori di energia con tasse sui profitti inattesi, resistendo alle richieste di rimuovere gli ostacoli burocratici alla nuova produzione, e rifiutando di aprire un libro di testo di fisica introduttiva per guidarli attraverso la serie di scelte politiche che richiedono una vera leadership per farle funzionare. Rimangono bloccati in un ciclo infinito di luoghi comuni, di colpevolizzazione, di corruzione e di ignoranza.

Come Eisenhower identifica giustamente nella nostra citazione di apertura, la distanza ha un effetto anestetizzante sull’osservatore di qualsiasi evento. Viene da chiedersi quante persone dovranno morire di fame prima che i nostri politici comincino a prendere sul serio la situazione. Le popolazioni più a rischio di cadere nel baratro sono a mezzo mondo di distanza e ci preoccupiamo che questo numero sia esageratamente alto.

Noi di Doomberg, siamo orgogliosi di vedere i modelli in anticipo e di essere mesi in anticipo sul flusso di notizie. Siamo costantemente umano-centrici. Non siamo mai stati così sicuri delle nostre convinzioni, pur desiderando ardentemente di avere torto. Una carestia globale non è uno scherzo, e prevederne una correttamente non sarebbe una gioia. (Traduzione di Norman Facco)

—————————————–

P.S. Le politiche di oggi ricordano molto le scelte di pianificazione fatte dall’Unione Sovietica, oggi incarnata nella cultura dei nazi-ambientalisti alla Greta e alla Cingolani, che portarono non solo alla carestia ucraina, ma anche alla morte di milioni di persone. (Elleffe)

- Advertisement -

Correlati

2 COMMENTS

  1. La Cina ha vinto la prima guerra mondiale biologica Vi ricordate i video di dicembre 2019 che venivano mostrati dalla Cina dove si vedevano persone cadere per terra senza che nessuno li assistesse? avete mai visto scene del genere nel resto del mondo, facendo così credere che con un lockdown “duro”, che però ha interessato solo il 4% della Popolazione (60 milioni su 1,4 miliardi), che solo così si sarebbe risolto il problema del contenimento del virus.
    Così facendo hanno intimorito (complice l’OMS) non il Mondo ma i loro concorrenti (Europa, USA, e UK, Canada, ecc.) bloccandone le economie. E così senza concorrenza, la Cina ha potuto accaparrarsi “l’Africa” e le sue risorse e inoltre ha accumulato da mesi grano e carne, portando le sue scorte alimentari ai massimi livelli con:
    – il 69% delle riserve mondiali di mais nella prima metà dell’anno agricolo 2022;
    – il 60% del riso;
    – il 51% del grano su scala globale;
    – il quasi 100% della lavorazione delle terre rare.
    Poi ciliegina sulla torta oggi la Cina con l’accordo con la Russia (che gli “abbiamo” svenduto) ha anche il gas e il petrolio a prezzi stracciati.
    Ma di questo nessuno se ne accorge?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti

error: Content is protected !!