SOLO UNO SCIOCCO DELEGA A DEGLI INCOMPETENTI LE PROPRIE SCELTE

di LEONARDO FACCO Oggi, mi sento ancor più anti-politico di dieci anni fa! Wikipedia, in merito all’argomento riporta quanto segue: “Nel senso più comune il termine antipolitica definisce l’atteggiamento di coloro che si oppongono alla politica giudicandola pratica di potere e, quindi, ai partiti e agli esponenti politici ritenendoli, nell’immaginario collettivo, dediti a interessi personali e non al bene comune”. Ora, se sul concetto di bene comune si potrebbe scrivere un libro a parte, quell’immaginario collettivo a cui fa riferimento l’enciclopedia più cliccata del web non è poi così immaginario, considerato che le cronache quotidiane sono anni che riportano fatti e misfatti di quella che, giustamente, tutti conoscono col nome di casta. Dal 1992 – che come dico spesso possiamo considerare, per diversi motivi che non serve stare ad elencare, come una specie di frontiera temporale fra l’Italia della “Prima” e della cosiddetta “Terza Repubblica” – è passato sotto i nostri occhi un venticinquennio di promesse di ogni genere. I liberisti han promesso la “rivoluzione…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche ControPotere