domenica, Maggio 19, 2024
23.4 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Tanto i soldi non ci sono…

Da leggere

La foto di gruppo del governo.

di MATTEO CORSINI

Da quando si è insediato il governo pentaleghista, il copione prevede più o meno quotidianamente che il ministro dell’Economia cerchi di rassicurare sul fatto che i conti pubblici non saranno (ulteriormente) sfasciati con la prossima legge di bilancio, mentre gli azionisti di maggioranza, ossia Luigi Di Maio e Matteo Salvini, dicono alternativamente che Tria ha ragione, ma che si riuscirà a fare quanto promesso, oppure che se sarà necessario fare più deficit, sarà fatto.

Piaccia o non piaccia, l’incertezza sull’esito di questo tira e molla spiega in gran parte perché l’Italia paghi non solo oltre 100 punti base di spread in più sui titoli decennali tedeschi rispetto a prima della formazione di questa maggioranza, ma debba pagare ben più di Spagna e Portogallo per raccogliere soldi sul mercato.

Tra settembre e ottobre, con la nota di aggiornamento al DEF e la bozza di legge di bilancio, i nodi dovrebbero arrivare al pettine. A quel punto, o i due vicepresidenti del Consiglio perderanno la faccia, oppure potrebbero esserci nuove pesanti tensioni sul malandato debito pubblico.

Di sicuro non potranno avere un esito positivo delle elucubrazioni come quella di Di Maio, il quale ha affermato che stare nei limiti di bilancio significa “individuare le priorità”, salvo poi aggiungere che l’individuazione delle priorità dovrebbe avvenire così: “Si prende la Legge di Bilancio e si dice: il reddito di cittadinanza è la priorità e ci sono i soldi”.

In realtà i soldi non ci sono, se non nella fantasia (o nella ciarlataneria) dello statista di Pomigliano. E proprio perché i soldi non ci sono, occorre prenderli a prestito, e coloro i quali si suppone debbano prestarli non sembrano condividere l’ottimismo degli azionisti di maggioranza del governo in merito agli effetti miracolosi dei provvedimenti da loro promessi.

In sostanza, pare che chi si suppone dovrebbe mettere i soldi non condivida il keynesismo surreale di questi signori. Come dar loro torto…

Correlati

2 COMMENTS

  1. Personalmente non vedo questo grande problema generato dal sistema. La compagine di Governo si deve fare garante delle proprie scelte, quindi il debito pubblico che rappresenta l’incapacità di Governare, deve essere rimborsato dai responsabili che hanno Governato ed ogni nuovo Governo deve iniziare con i conti in regola.
    Per anni i Governi che si sono alternati al comando del Paese, hanno fatto man bassa arricchendosi sulle spalle dei cittadini. Questi debiti vanno risanati dai responsabili a costo di arrestarli e rovesciarli le tasche altrimenti qualsiasi cretino si presenta al Governo, crea debiti, si arricchisce e se ne va soddisfatto delle sue carognate.
    Anthony Ceresa Italia International Association.

  2. Non sono tanto d’accordo: la spesa pubblica statale supera il 50% del Pil a cui devono essere aggiunte le cifre versate per le pensioni e la spesa degli enti locali.
    In uno Stato che assorbe il 69/70 % della ricchezza nazionale dire che non ci sono le risorse per qualcosa è una barzelletta. La spesa pubblica statale è composta al 50% dalle seguenti voci: interessi sul debito pubblico, stipendi settore pubblico, pensioni (nonostante quello che viene versato con i contributi…), sanità.
    Le ultime tre voci sono comprimibili: pensiamo agli sprechi, le ruberie e e le regalie che esistono. Ma il restante 50% della spesa pubblica dove finisce?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Articoli recenti