VENEZUELA: IL COLLASSO È COLPA DEL SOCIALISMO, NON DELLE SANZIONI

di KRISTIAN NIEMIETZ In termini di accoglienza da parte degli intellettuali occidentali, gli esperimenti socialisti di solito attraversano tre fasi distinte. Il primo stadio è il periodo della luna di miele, il periodo durante il quale l’esperimento mostra alcuni successi iniziali, e gli intellettuali occidentali sono entusiasti a riguardo. Il secondo stadio è il periodo delle scuse e di “e allora che dire di”, durante il quale… beh, avete già capito. Ad un certo punto, i fallimenti del sistema sono così ovvi, e così ampiamente conosciuti, che diventano un imbarazzo per la causa socialista. Qui è quando si entra nel terzo e ultimo stadio: lo stadio “non era vero socialismo”. Gli intellettuali occidentali ora sostengono che il paese in questione non è mai stato socialista e che solo un completo ignorante, che non ha idea di cosa significhi “socialismo”, affermerebbe altrimenti. Questo è lo schema che descrivo nel mio libro di prossima uscita “Socialism: The Failed Idea That Never Dies”. È anche un modello che,…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche FuoriDalMondo