lunedì, Giugno 24, 2024
17.4 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Volere confini aperti non significa essere libertari

Da leggere

di MATTEO CORSINI

Cosa c’è di meglio che intervistare un intellettuale liberal (ossia socialdemocratico) americano in merito alle sconfitte planetarie che stanno riportando i partiti di sinistra a scapito di formazioni “populiste”?

Considerando che il “dibbbattito” nel Belpaese è animato da un lato dal boldrinismo (che, nei fatti, porta più voti a Salvini di quanti riesca a procurarsene lui stesso tra comizi, tweet e video su FB con ritmi da 24-7-365) e dall’altro dalle convulsioni del PD, rivolgersi a un pezzo da novanta come Michael Walzer è sembrata qualche tempo fa una scelta illuminante per Paolo Matrolilli della Stampa.

Nella sua critica alla sinistra, Walzer afferma anche: Non credo nei confini aperti, non sono un libertario, e penso che i Paesi abbiano diritto a limitare gli arrivi. La sinistra avrebbe dovuto dire queste cose”.

Credo sia bene fare chiarezza. Ci sono certamente persone che si definiscono libertarie e che sono a favore dei confini aperti a spese di tutti (i cosiddetti left-libertarians). Ma essere libertari a mio parere dovrebbe significare porre al centro del proprio codice etico il rispetto del principio di non aggressione. Ognuno dovrebbe essere libero di ospitare nella sua proprietà chiunque ritenga opportuno finché ciò fosse compatibile con il principio di non aggressione. Nessuno, però, dovrebbe imporre ad altri di ospitare chi non desidera o di farsi carico economicamente di tale ospitalità.

Il problema è che quando queste decisioni sono demandate agli Stati è inevitabile che il principio di non aggressione sia violato. Essere libertari significa (dovrebbe significare) non consentire allo Stato di fare cose che sarebbero illegittime se fatte da un individuo. Così come nessuna persona può legittimamente imporre (vietare) al vicino di casa di ospitare qualcuno, così non dovrebbe poterlo fare lo Stato. Null’altro.

Correlati

1 COMMENT

  1. Ma essere libertari è compatibile con l’esostenza dello Stato, e quindi dei confini?

    Non sobbiamo dimenticare che, prima di porci il problema del confine, dobbiamo porci ilmprpblema del contenuto. Parliamo di Stato o di comunità volontarie? Fino a quale dimensione uno stato territoriale è compatibile con la libertà? Secondo me circa le dimensioni di un grande condominio o di un quartiere, centinaia, al massimo migliaia di persone. Per numeri più grandi l’unica via è la non terrorialità.

    Se il confine è quello di uno Stato inteso come quelli in cui viviamo (territoriale, nazionale, democratico, ridistributivo…), il principio di non aggressione viene meno come datto di fatto, perché all’interno dello Stato una maggioranza parassita aggredisce (democraticamente) una minoranza produttiva. A quel punto rafforzare il confine significa solo decidere quale tipologia di aggressione subire, e non è detto che la Carta di Identità (strumento statalista) sia un buon criterio di scelta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Articoli recenti