mercoledì, Ottobre 5, 2022
16.7 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

25 aprile anche i senesi commemorano la voglia d’indipendenza

Da leggere

siena3di REDAZIONE

Il prossimo 25 aprile la Contrada della Tartuca, in collaborazione con il Quartiere Ruga di Montalcino, organizza la 37ª “Marcia dell’Indipendenza senese”. La prima edizione venne effettuata infatti nel 1980 con la partecipazione dei solo tartuchini e dal 1982 è aperta a tutte le Contrade.

La Marcia è nata per commemorare l’evento più palese della voglia di indipendenza dei senesi: l’esodo volontario del 21 aprile 1555 per mantenere in vita la “Repubblica di Siena ritirata in Montalcino”, quando la città fu occupata dagli spagnoli dopo un lungo assedio. Per la celebrazione fu stabilito di ripetere in corsa il percorso di quaranta chilometri, simile a quello che fecero i senesi nel 1555. Il 20 aprile 1980 i podisti tartuchini usciti da Porta Romana corsero in staffetta per strade a sterro in direzione di Radi, Campriano e Vescovado di Murlo; passando per Bibbiano, Pian Petrucci e Podere Sant’Anna, dopo avere affrontato la dura salita di Sferracavalli, entrarono a Montalcino da Porta Murelli. Nel 1982 la Marcia venne quindi allargata alle Compagnie Militari di tutte le Contrade. Fu approntato un regolamento con il cronometraggio dei tempi di percorrenza delle quattro frazioni, organizzati dei punti di ristoro e garantita assistenza medica e assicurativa.

Da allora la Marcia, grazie anche alla collaborazione del quartiere Ruga, si è puntualmente effettuata ogni anno. Dal 1996 è stato inserito anche un percorso in mountanbike che vede la partecipazione di molti cicloamatori.

La “Marcia dell’Indipendenza senese”, non avendo carattere competitivo, mira ad avvicinare gli amanti della natura ad una parte della provincia di Siena suggestiva ed interessante tanto dal punto di vista paesaggistico che ecologico, per vivere una giornata diversa, immersi in paesaggi bellissimi, animati solo da un puro spirito di partecipazione.

La premiazione della Marcia si terrà venerdì 6 maggio nei locali della Società Mutuo Soccorso Castelsenio.

Gli orari della 37° “Marcia dell’Indipendenza senese”:

ore 8,30 – Ritrovo dei podisti al Prato di Sant’Agostino per la punzonatura

ore 9,00 – Partenza della prima staffetta da Porta Tufi

ore 10,00 – Partenza della Biciclettata presso la zona ind. di Cerchiaia

ore 11,15 circa – Arrivo del primo staffettista a Montalcino

ore 11,45 – Partenza del Corteo per le strade di Montalcino

ore 12,15 – Cerimonia dell’offerta del Cero e dell’Olio votivo nella Chiesa dei Senesi di Sant’Agostino a Montalcino

VINCE IL MONTONE NEL 2016

Siena, 26 aprile 2016 – I PIU’ BRAVI sono stati gli atleti del Valdimontone Alessandro La Cava, Lorenzo Tumino, Alessio Lachi e Stefano Becatti.E’ stata infatti la Compagnia militare Sant’Angelo a Montone a vincere la 37esima edizione dellaMarcia dell’Indipendenza da Siena a Montalcino organizzata dalla Tartuca e ideata da Giulio Pepi. Ottimo il tempo: 3 ore 4 minuti.

L’ANNO SCORSO LA MARCIA DELL’INDIPENDENZA ANDO’ AL NICCHIO

La “Marcia dell’Indipendenza senese”, nata nel 1980 per volontà della Contrada della Tartuca, coinvolge ogni 25 aprile 33 compagnie, podisti e ciclisti, ed  ha lo scopo di ripercorrere l’esodo – avvenuto il 21 aprile 1555 – delle famiglie senesi che intesero continuare in Montacino la lotta per la libertà e l’indipendenza della Repubblica di Siena in un ultimo tentativo di resistenza. Circa settecento famiglie di gentiluomini senesi, dopo aver resistito alle sofferenze del lungo assedio da parte dell’esercito ispano-mediceo, comandato da Gian Giacomo Medici, abbandonarono la città del Palio per raggiungere la fortezza di Montalcino, con il proposito di mantenere in vita la Repubblica di Siena.
Oggi la Marcia rappresenta un momento di festa e di gioia per tutti. Per la Tartuca che organizza ogni anno la corsa, per il Quartiere Ruga suo gemellato a Montalcino e per tutte le Contrade che partecipano.
La “Marcia dell’Indipendenza senese” quest’anno è stata vinta dal Nicchio, seguito da Tartuca, Valdimontone e Selva.
Archiviata la corsa, ad animare le vie del centro storico di Montalcino le comparse di Tartuca e Ruga che si avviano verso la Chiesa dei senesi, Sant’Egidio, per l’offerta del cero e dell’olio per la lampada votiva. (26-04-2015 – Montalcinonews.it)

- Advertisement -

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti