mercoledì, Agosto 17, 2022
28.4 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Accoglienza volontaria e obbligatoria, c’è una bella diferenza

Da leggere

di MATTEO CORSINI

Come è noto, la posizione della Chiesa cattolica in merito al tema dei migranti è per una accoglienza sostanzialmente senza limiti, da abbinare a una politica che eufemisticamente definirei generosa in tema di riconoscimento della cittadinanza.

Per esempio, Luis Antonio Tagle, arcivescovo di Manila e presidente di Caritas Internationalis, ha affermato: “Tutti coloro che credono, a maggior ragione se sono politici, come tali non possono chiudere le porte in faccia agli stranieri, ai migranti e ai rifugiati. Il mandato evangelico è chiaro, non ascoltarlo significa tradirlo”.

Aggiungendo poi:Non è solo Gesù a essere esplicito in merito. Anche l’Antico Testamento parla chiaro quando il Signore dice di avere un amore speciale per gli orfani, le vedove e gli stranieri perché non hanno chi li aiuta. Gesù poi ha identificato se stesso con gli stranieri. Non è un politica da adottare, ma un vero e proprio mandato da non tradire”.

In un contesto ideale dal punto di vista libertario, ogni associazione tra individui dovrebbe essere su base esclusivamente volontaria. Quindi nessuno potrebbe imporre né proibire ad altri di compiere azioni che non violino il principio di non aggressione.

Il contesto attuale è ovviamente ben distante dall’ideale libertario, per cui credo si debba cercare di ragionare su quanto sia meno peggio, date le circostanze. Nelle parole che ho riportato c’è, a mio parere, una confusione tra l’obbligo morale che, come persona, dovrebbe avere il credente, disponendo di ciò che gli appartiene, e il potere che quella stessa persona ha di disporre coercitivamente di risorse altrui quando ricopre cariche politiche.

Gesù non ha imposto a nessuno di seguirne gli insegnamenti e ha sacrificato se stesso per gli altri. Spesso, invece, chi ne dovrebbe diffondere gli insegnamenti ritiene addirittura doveroso, per un politico credente, utilizzare il potere coercitivo di cui dispone per imporre ad altri, credenti o meno che siano, il mandato evangelico.

Ora, mi sembra più che evidente l’enorme differenza che esiste tra invitare altri a compiere volontariamente determinate azioni e usare la minaccia dell’uso della forza per costringerli a compiere quelle stesse azioni. Ritengo che imporre mediante la minaccia dell’uso della forza comportamenti in (presunta) linea con il mandato evangelico rappresenti un tradimento di quello stesso mandato.

La democrazia già ha i suoi difetti e la soluzione non sarebbe la teocrazia.

- Advertisement -

Correlati

1 COMMENT

  1. Siamo alle solite storielle come quella del voto in Austria.
    I titoloni che gli scriba hanno fatto nei quotidiani sono offensivi.
    “vince la destra xenofoba, ha vinto la paura e cosi’ di questo passo e tono”.
    Dire che forse ha vinto il popolo sovrano no mai..?
    Cosi lo stesso andazzo lo ha i subalterni dell’uomo polare.
    E si rifanno tutti, i kattokomunistislamici, alle carte piu’ belle del mondo, si, ma per loro.
    Se vincesse il kattokomunismoislamico allora si, vale titoli da sogno.
    E’ proprio vero, l’intellighenzia, kattokomunistaislamika e’ malata, moolto malata cosi’ ci portera’ nel baratro a breve termine.
    Lo jius soli poi e’ il passepartout per avere un’invasione, secondo il vento che tira, degli stati, specie se uni e indivisibili.
    E’ una contraddizione da peccato mortale.
    Pero’ oggi e’ di moda essere malati e cosi’ guai a chi si oppone a questo jius soli o meglio INVASIONE PER LEGGE.
    E meglio di gridare allo scandalo austriaco che vogliono, invece, fermarla sta kax di INVASIONE..?
    Poi gridano allo scandalo, voto in Austria, i komunisti che hanno fatto piu’ danni dei fascisti.
    Si, loro vorrebbero passare per i migliori e vediamo cosa stanno combinando.
    Sono partigiani per cui patrioti e svendono la loro patria al contrario di chi e’ morto per difenderla dallo straniero, guarda caso dall’Austria.
    Insomma, la patria e’ quello stato uno e indivisibile e che va difeso o si parla del NULLA..?
    E guai a dire che i komunisti non ci sono piu’. Anzi. I kattokomunistislamici.
    Come i greci che fecero credere a Troja che se ne erano andati per far si che portassero dentro il noto cavallo di Troja per l’appunto..?
    Si. Proprio gli INVASORI sono ne piu’ e nemmeno che tanti cavallini di Troja.
    Aho, ma ce la mettono proprio tutta per far si che ci INVADANO..!
    Chi dobbiamo pregare a questo punto..?
    QUAL DIO CI AIUTERA’ AD ESSERE LIBERI A CASA NOSTRA..?
    O siamo detto fatto, ormai, senza casa e patria..?
    Preghiamo San Marco, forse, dico forse, ci sentira’.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti