48° SEGNALE DELLA RIPRESA: PIÙ TASSE PER UN’OTTANTINA DI MILIARDI!

di LUIGI CORTINOVIS

“E poi, per far ripartire l’Italia, serve abbassare le tasse e noi le abbasserremo”. Quante volte avete sentito questa banalità? UN falso, sempre!

Infatti, si prevede una bella stangata fiscale da quasi 81 miliardi di euro tra il 2017 e il 2020 per le imprese. Nei prossimi quattro anni le tasse saliranno di 80,9 miliardi: dai 786 miliardi del 2016, quest’anno si arriverà a 803 miliardi per poi salire progressivamente fino agli 867 miliardi del 2020, con una impennata complessiva del 10,29%.

Niente spending review: le uscite dal bilancio pubblico cresceranno sistematicamente: dagli 830 miliardi dello scorso anno si arriverà agli 860 miliardi del 2020 per un aumento complessivo di oltre 30 miliardi pari a una crescita del 3,66%. Questi i dati principali dell’operazione fact checking realizzata dal Centro studi di Unimpresa sulla Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza approvato il 23 settembre dal consiglio dei ministri, secondo la quale sono destinati a salire anche i versamenti allo Stato per contributi sociali e previdenziali: l’incremento, che produce effetti sul costo del lavoro per le imprese, sarà di oltre 27 miliardi. “I numeri dicono sempre la verità e smascherano le prese in giro del governo, delle quali siamo ormai stufi”, commenta il vicepresidente di Unimpresa, Claudio Pucci.

Un Italia di cialtroni.

Print Friendly, PDF & Email
Rubriche TITALIC: la Ripresa c'è!

1 Comment

  • caterina • 2 anni ago

    e i media si accodano e per non disturbare il manovratore fanno finta di informare, nascondendo la verità se mai anche la percepiscono… e noi paghiamo!!!

error: Content is protected !!