ANGELA MERKEL: NO ALL’INDIPENDENZA DELLA CATALOGNA

Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!

merkel perplessadi MARIETTO CERNEAZ

Si allarga la cerchia degli euro-governanti a cui non piace il diritto di autodeterminazione dei popoli. Dopo le dichiarazioni di Junker di qualche giorno fa, è la volta di un pezzo da novanta, la cancelliera Angela Merkel, che ha pubblicamente affermato di condividere la posizione del governo spagnolo sull’idea di “sovranità limitata” per la Catalogna. 

La cancellierà s’è detta contraria all’indipendenza della comunità autonoma ed ha – anadano oltre se volete – difeso toutu court l’integrità territoriale di tutti gli Stati.

Ecco le sue parole: “Difendiamo l’integrità territoriale di tutti gli Stati, che è qualcosa di totalmente diverso per l’indipendenza di una regione”, ha ribadito la Merkel nella suo tradizionale conferenza stampa d’estate,  a fronte della domanda che le è stata posta in merito alle aspirazioni della Generalitat di Catalogna, che organizzerà una consultazione referendaria il prossimo 9 novembre.

La Merkel, che ha voluto precisare di non volersi intromettere negli affari interni della Spagna, ha citato il caso della Germania, dove c’è un sistema federale in cui i governi dei Länder e locali hanno “un grande spazio per agire e un alto grado di autonomia”. Quando le han chiesto se fosse disponibile a ricevere nella sua Cancelleria il Presidente della Catalogna, Artur Mas, o l’allenatore del Baynern Monaco Pep Guardiola, notoriamente indipendentista, per comprendere meglio il progetto di sovranità a cui ambiscono i catalani, la Merkel lo ha escluso ed ha chiarito che, invece, condivide la posizione del governo di Mariano Rajoy.

Ecco le sue parole: “Condividiamo la posizione del governo spagnolo, al di là che io non voglio intervenire in questo dibattito. Comunque, io non sto preparando nessun ricevimento per nessuno”, ha chiosato.

Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!
Rubriche FuoriDalMondo