mercoledì, Agosto 17, 2022
24.9 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Autodeterminazione, il veneto supporta la dichiarazione di bruxelles

Da leggere

SECESSIONESTATIRICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Risoluzione presentata il 13 aprile 2016 dal Consigliere Antonio Guadagnini. Di seguito, il testo integrale della Dichiarazione di Bruxelles nella versione in lingua inglese, lingua italiana e lingua veneta.

Il Consiglio Regionale del Veneto

PREMESSO CHE:

–       lo scorso 9 dicembre 2015 ha avuto luogo, presso il Parlamento europeo, un  simposio internazionale sul tema dell’applicazione del diritto di autodeterminazione nell’Unione europea, organizzato dalla Ong ICEC (International Commission of European Citizens), dagli eurodeputati Mark Demesmaeker con il gruppo parlamentare europeo ECR (European Conservatives and Reformist Group), dall’europarlamentare Josu Juaristi con il gruppo parlamentare GUE/NGL (Confederal Group of the European United Left/Nordic Green Left), nonché dal movimento sociale fiammingo Beweging Vlaanderen Europa.

–       a detto simposio internazionale hanno preso parte rappresentanti accademici, politici, istituzionali e portavoce di organizzazioni sociali di tutta Europa, in particolare di Scozia, Fiandre, Catalogna, Paesi Baschi, Veneto e Sud Tirolo.

–       dal confronto delle molte autorevoli voci intervenute è scaturito un documento comune sottoscritto da rappresentanti sociali di sei nazioni senza stato sopracitate, una dichiarazione internazionale che prende il nome di “Dichiarazione di Bruxelles” e che in questi mesi è sottoposto alla sottoscrizione e ratifica di istituzioni, entità sociali e accademiche.

–       già in altre numerose occasioni questo Consiglio ha dimostrato una coerente sensibilità ed attenzione verso il tema dell’applicazione del diritto di autodeterminazione con mozioni e risoluzioni approvate ad ampia maggioranza, in particolare con la mozione 19 del 22 settembre questo stesso Consiglio esprimeva formalmente il proprio supporto al pacifico e democratico al percorso di autodeterminazione intrapreso ed attuato dai cittadini catalani e dalle loro istituzioni, con la mozione 29 del 2 ottobre 2015 questo Consiglio esprimeva solidarietà ai rappresentanti istituzionali catalani ingiustamente perseguiti per aver favorito l’espressione democratica della volontà popolare dei propri concittadini in un pacifico percorso di autodeterminazione, con la risoluzione 4 del 17 novembre 2015 questo Consiglio esprimeva pieno sostegno all’iniziativa del Parlamento catalano finalizzata all’indipendenza della Catalogna.

Declarasion de Brussels

Reconosendo ła spesìfega divarsità łenguìstega e culturałe de l’Union Europèa e co’l ciapar cosiensa de una de łe màsime de l’UE ‘Unìi inte ła Divarsità’;

Capindo el bezonjo de discusion e cooparasion so’l prezente e so’l futuro de i Stati in creasion, łe só łengue, l’identidà culturałe, łe prefarense sosio-econòmeghe e l’auto-organizasion par capir el roło democràtego che łe future nasion łe pol zogar inte’l mondo;

Concordando che du prensipi univarsałi i xe custodìi rento ati intarnasionałi,

Vanti de tuto, el “prensipio de ła łibartà de sielta”, un prensipio che’l ghe partien tanto a i individui che  a łe comunità che i ghin fa parte par sielta łìbara e democràtega,

Par secondo el “derito de auto-detarminasion” che l’è reconosùo inte’l mondo e confermà co tratài intarnasionałi.

A se consìdara che el futuro democràtego de l’Union Europèa el sarà renforsà traverso de ła discusion e de ła conprension de i prensipi zenarałi. A se consìdara pardepì che solche traverso de l’inpenjo e de ła cooparasion co łe organizasion e łe comunità A se gavarà che i prensipi fondanti de l’UE i venje vałorizài e reconosesti in pien.

A se ga fede che traverso de’l łaoro de ‘ste organizasion e comunità A se rive a na conprension piasè profonda verso de i prensipi de auto-detarminasion, pa’l ben de tuta ła UE e de i só sitadini.

Łe organizasion e le parsone sotoscrite inte ‘sta Declarasion łe conferma drioman che:

L’auto-determinasion ła inrichise e ła renforsa ła discusion so łe rełasion (intar)nasionałe, altro che starghe in opozision. A se ła ciapa par paso nesesario par dezblocar l’atuałe situasion de fermo che A se vede par via de ła discusion verta sora el derito a l’auto-detarminasion.

L’inpenjo co parsone so’l derito a l’auto-detarminasion el pol funsionar da catałizador par contrastar i sentimenti atuałi de deziłuzion połìtega che i se vede traverso de tuta l’Europa, inpromozando i pòpołi a darse da far da novo inte’l proseso democràtego.

Inte un contesto de paxe e de sołidarietà intarnasionałe A ghe speta a łe nasion stòreghe de desìdar, democrategamente e da só posta, revardo de’l só futuro, drio aplegasion de’l derito univarsałe de autodetarminasion.

Che i deriti siviłi europèi no i pol èsar revocài altro che da na desizion de ‘sti sitadini par primi o da łe só istitusion ełete democrategamente.

A se se apeła a i menbri de ła Comision, a’l Consejo e a’l Parlamento Europèo e a i leader europèi de Stati e de governi,

Par osarvar ła neutrałità verso de ‘ste nasion drio costruir o restorar i só Stati independenti da łe struture ezistente;

Par reconósar che i tratài europèi no i contien mìa na baxe zurìdega che ła ghe parmete de afermar che łe nasion, na volta independente da Stati menbri ezistenti, łe se catarìa fora de l’UE;

Par èsar cosienti de’l fato che a i sitadini de l’UE che i dezìdare portar ła nasion ndove che i vive a’l łiveło de un Stato independente A no pol mìa èsarghe negà el derito de sitadinansa UE;

Par łaorar co chełe nasion che łe voje exersitar el derito de auto-detarminasion reconosùo intarnasionalmente;

Par darghe el benvenjùo a i Stati łejitimài democrategamente che esplisitamente i dimande de presarvar ła só adezion a l’Unione Europèa e i voje partesiparghe in modo direto a’l proseso desizionałe europèo.

Il Consiglio Regionale Veneto esprime

La propria pieno supporto all’enunciato della Dichiarazione di Bruxelles del 9 dicembre 2015 nella totale condivisione dei valori e principi espressi nel medesimo atto internazionale.

- Advertisement -

Correlati

1 COMMENT

  1. sembrerebbe perfetto e perciò vediamo se il Consiglio Regionale riconosce ora che è autorizzato dalla risoluzione di Bruxelles quello che il Popolo Veneto ha già affermato circa il proprio futuro il 21 marzo 2014 con la dichiarazione d’Indipendenza a seguito del referendum autogestito che ha giè avuto doppia certificazione, tecnica e politica… che aspetta? teme di perdere le careghe e rispettivi compensi? credo che potrebbe essere cosa che può trovare soluzione, basta parlarne… non campi scuse di autorizzazioni che sarebbero per se stesse la negazione del principio di autodeterminazione!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti