BASTA COL MITO AMERICANO DELLA RIVOLUZIONE, PENSIAMO ALLA SECESSIONE

Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!

di TOM LUONGO Ricordo gli anni ’70 quando andavo in giro per New York City con la mia famiglia durante le vacanze, come se fosse ieri. All’epoca sul sedile anteriore della macchina i miei genitori discutevano del fallimento di New York City. Mio padre, nella polizia di New York, all’epoca, ne faceva parte come chiunque altro, dato che il fondo pensionistico della polizia a quei tempi aiutava a salvare il governo della città. La West Side Highway è crollata e per questo sono cresciuto con la paura dell’altezza e, soprattutto, dei ponti. Ho davvero odiato prendere la via del ritorno (New Jersey) verso Staten Island. La sola menzione dell’attraversamento dell’Outer Bridge mi avrebbe quasi fatto venire un attacco di panico. Ricordo di aver pensato già al tempo: “Se queste persone non possono pagare i loro conti oggi, cosa succederà tra dieci o vent’anni”? Certo, all’epoca ero un ingenuo ragazzo di dieci o undici anni e non avevo idea di cosa fosse la fuga di capitali,…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!
Rubriche ControPotere