BASTIAT, IL FRANCESE DIFENSORE DI TUTTE LE LIBERTÀ

di FRANCESCO FERRARA Permettete, o signori, che io mi allontani un istante dalla fredda semplicità che la materia di cui siamo occupati m’impegna a conservare, e che alla nostra conferenza ordinaria faccia precedere un breve appello ai vostri affetti, per onorare un nome che io venero, ed a cui la scienza ha già destinato l’immortalità. Dacché ci siamo divisi, una dolorosa perdita, che era appena un timore, è divenuta certezza. L’economia politica, il mondo intellettuale, la Francia, l’umanità, voi soprattutto che venite a sedere su codesti banchi, tutti abbiamo un vuoto, ben difficile a ricolmare: Federico Bastiat è morto in Roma. È triste il pensare che questo cielo d’Italia, da cui chiese egli un sollievo al male che lo affliggeva, questo cielo che fu già buono a ristorare tante saluti disfatte dal lusso e da’ vizi, questo cielo che ebbe pochi anni or sono il deplorabile merito di aver salvato la vita più cara al più detestabile fra i despoti viventi in Europa; ora fu…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche CronacheVere