sabato, Maggio 21, 2022
19.5 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Bitcoin: il Global Index dice che è la moneta del popolo economicamente represso

Da leggere

di PIETRO AGRIESTI

La tabella sotto mostra la prima parte della classifica dei paesi del mondo nel Global Crypto Adoption Index 2021.

Ci raccontano bitcoin come speculazione finanziaria, moneta dei criminali, dispendio energetico, metodo di evasione, strampalata fantasia di mattoidi nerd malati di tecnologia e anarchici disadattati e complottisti: invece è la moneta di chi vive in regimi di repressione finanziaria, sotto stati autoritari falliti, in condizioni di miseria, sotto monete rovinate dall’inflazione, è la moneta per sfuggire alla repressione e alla miseria dei regimi autoritari e delle economie alla deriva.

In Occidente non lo abbiamo ancora capito. Ma ce ne renderemo conto meglio molto presto, perché anche noi siamo sulla strada per diventare regimi autoritari con un’economia alla deriva.

Più si accentuano gli sforzi per censurare, più bitcoin è importante, perché la censura passa sempre più per la repressione finanziaria, ad esempio dall’esclusione dai servizi di pagamento. Basti pensare a Trudeau che in Canada di fronte alle manifestazioni di protesta reagisce cercando di bloccare i conti correnti dei manifestanti e di chi li aiuta e che interviene per impedire alle società di crowfunding che avevano raccolto donazioni di solidarietà per le manifestazioni di consegnarli ai legittimi proprietari. O a Biden che ruba i soldi degli afghani negli Stati Uniti, come “risarcimento” per avergli invaso il paese.

E bitcoin è una delle soluzioni di mercato emerse, e che stanno emergendo, per contrastare tutto questo. Per decentralizzare alla faccia dei centralizzatori. Per sfuggire alla repressione finanziaria alla faccia dei censori. Per ridare potere all’individuo alla faccia dei pianificatori. Per ridare potere alla Società alla faccia dello Stato. Per far saltare il sistema monetario sempre più assurdo e corrotto in cui viviamo. Per ritrovare la nostra privacy e la nostra autonomia alla faccia di chi ci vorrebbe… “guardare a vista, ispezionare, spiare, dirigere, recintare, indottrinare, catechizzare, controllare, valutare, comandare”… per citare le parole di Proudhon.

PER APPROFONDIRE, QUI UN IMPORTANTE ARTICOLO SU BITCOIN DI WENDY MCELROY

- Advertisement -

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti