DAI SAVOIA A NAPOLEONE, IL GENOCIDIO DEI CONTADINI PIEMONTESI

di REDAZIONE*

A Pinerolo (Torino), sabato 11 marzo, presso l’Hotel Regina, è stato presentato il saggio di Giorgio Enrico Cavallo “La tirannia della libertà – Il Piemonte dai Savoia a Napoleone” (Chiaramonte Editore, 2016) che riguarda l’epoca rivoluzionaria in Piemonte, quando i francesi invasori perpetrarono, in nome della libertà, massacri vergognosi e i nostri antenati espressero tutta la delusione nei confronti di questi “liberatori” soltanto a parole con il detto: Liberté, egalité, fraternité: ij fransèis an caròssa, e noi a pè

Nel corso dell’incontro, presieduto da Roberto Chiaramonte, direttore del periodico “L’Araldo del Piemonte e della Valle d’Aosta”, lo storico Roberto Gremmo ha parlato degli eccidi di Piscina e di Carmagnola nel 1799, pagine dimenticate della storia piemontese, da lui definite come “piccole Vandee” piemontesi.

Il documentato e appassionato intervento di Gremmo può essere così sintetizzato. L’invasione francese del Piemonte nel 1799 è stata caratterizzata da episodi d’una violenza inaudita, con stragi di popolani innocenti che hanno caratteristiche simili a quelle delle truppe naziste nel corso dell’ultimo conflitto mondiale, così ha esordito Gremmo per poi affermare che, in particolare, furono feroci e crudeli quelle perpetrate a Piscina, dove il 10 maggio i contadini arrabbiati strapparono le coccarde tricolori, guidati dal prevosto Camillo Galletto. Furono puniti dalla rappresaglia francese che uccise a sangue freddo un incolpevole popolano, fucilato e col povero corpo dato alle fiamme dopo la morte.

Ben maggiore la rappresaglia di tre giorni dopo contro i “paesan” di Borgo Salsasio di Carmagnola, uccisi a decine perché accusati di essersi opposti con la forza all’occupazione militare degli stranieri invasori. In effetti più di settemila contadini si erano raccolti nel convento esistente allora nella borgata, ingaggiarono un’eroica resistenza alle truppe d’Oltralpe e vennero sopraffatti solo a colpi di cannone.

Uccisi o dispersi i resistenti Piemonteis, gli sciacalli che sventolavano il vessillo dei “grandi principi dell’Ottantanove” profanarono le ostie della chiesa e incendiarono le case e le saccheggiarono di ogni cosa di qualche valore. Del genocidio dei contadini piemontesi, ammazzati senza pietà dalle truppe che esportavano sulla punta dei fucili la loro pretesa libertà, si è purtroppo parlato poco e malvolentieri, perché il mito fasullo della “grande revolution” resiste ad ogni critica. Meno ancora si è indagato sui collaborazionisti locali dei francesi, forse peggiori dei loro stessi padroni.

Ci sono pagine di storia che debbono uscire dall’oblio, perché anche i poveri vinti di sempre abbiano almeno un giusto ricordo.

*ARTICOLO SCRITTO DA Milo Julini

———————-

ORDINA l’e-BOOK A 4 EURO a Leonardofaccoeditore@gmail.com

Rubriche SceltiPerVoi