ECCO IL 23° SEGNALE DELLA RIPRESA: MULTATI PER LA PUBBLICITÀ SUGLI ZERBINI

di LUIGI CORTINOVIS

Spuntano tutti gli anni notizie come quelle di cui scriviamo qui sotto. Una volta, tocca al pizzaiolo, una volta al salumiere magnanimo, un’altra volta ancora a qualcun altro e chissà quante manco le sappiamo.

Oggi, è il turno di Modena: “«Una multa ingiusta, assurda e persino ridicola». Davvero molto difficile dare torto a Confesercenti Modena che denuncia – con incredulità e sdegno – la pioggia di sanzioni a commercianti, artigiani e liberi imprenditori della città. La loro imperdonabile colpa? Aver esposto davanti la porta d’ingresso lo zerbino con il nome dell’attività. E quindi, secondo il giudizio degli inflessibili esattori, aver in questo modo ‘eluso’ il pagamento della tassa sulla pubblicità. Comico, se non fosse tragico”.

E giù a lamentarsi, lagnarsi, imprecare e… subire!

Pare infatti che gli operatori sanzionati abbiamo ricevuto le contestazioni «tramite raccomandata, con l’invito a pagare entro 60 giorni per ottenere il dimezzamento della sanzione».

Rubriche La Ripresa 2015/16/17