ENIGATE, UN LIBRO SUL PIÙ SPORCO DEGLI AFFARI E IL BUSINESS DEI MIGRANTI

di LUIGI CORTINOVIS Partiamo con un sottotitolo adatto: Più di un miliardo in tangenti, centinaia di milioni in retropagamenti, controinchieste di avvocati della compagnia e i massimi vertici del gruppo Eni accusati in tre procedimenti diversi. I lettori dei maggiori quotidiani italiani non lo sono venuti a sapere perché nessuno di quei giornali ne ha parlato, ma c’è un  libro-inchiesta da cui risulta che la gestione della più potente azienda quasi-pubblica italiana – l’Eni, – è da anni contrassegnata da intermediazioni occulte, interessi privati in atti aziendali e inadeguatezza di governance. E ora c’è anche una petizione su Change.org – #Descalzisidimetta – in cui si chiede al ministro dell’economia Giovanni Tria di chiedere le dimissioni dell’attuale amministratore delegato dell’Eni Claudio Descalzi. Il 31 ottobre scorso è uscito Enigate:i documenti esclusivi sulle tangenti internazionali che l’ente petrolifero è accusato di aver pagato (#Enigate), un libro-inchiesta che ricostruisce uno scandalo senza eguali. Secondo l’economista Luigi Zingales, che ha vissuto personalmente alcuni dei fatti ricostruiti in quanto membro…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche TITALIC: la Ripresa c'è!