GIGANTOGRAFIA DI CHE GUEVARA SUI MURI DI NAPOLI: ROBA DEGNA DI CARACAS

di LEONARDO FACCO Nel paese in cui serve una trafila burocratica per ritinteggiare casa propria, a Napoli, se sei un comunista, puoi dipingere un’intera facciata di un grande condominio con tanto di plauso della sua amministrazione. Lo scorso 22 settembre, è stato inaugurato un enorme murale che decora i lati di due palazzi popolari nel quartiere di San Giovanni a Teduccio. Opere di street art, realizzate dall’artista partenopeo Jorit, che raffigurano il volto di Che Guevara. Il medico argentino (come i nazisti, anche i comunisti hanno avuto il loro dottor criminale), noto per essere stato protagonista durante la rivoluzione cubana, è notoriamente un idolo del primo cittadino partenopeo. Anche Hugo Chavez aveva un mito: Ernesto “Che” Guevara. Come lui anche il suo successore, Nicolas Maduro, e tutta la marmaglia che ancora gli dà sostegno, tra i quali va annoverato il filosofo del nulla assoluto Diego Fusaro. Il Venezuela, lo sapete, è sprofondato nella miseria più nera, non si trova cibo sugli scaffali dei supermercati e la povertà, insieme…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche Palazzacci