HONG KONG CONTRO L’ESTRADIZIONE? SI, MA PENSANDO ALLA SECESSIONE!

di MARIETTO CERNEAZ Si scrive “estradizione”, ma si legge “secessione”. La battaglia in corso fra gli honkonghesi e la governatrice del governo comunista cinese – che momentaneamente è stata vinta dai primi – non riguarda solo la possibilità di estradare a Pechino chi non è allineato con la dittatura, bensì la voglia di libertà che la città stato asiatica ha assaporato durante il “colonialismo” inglese, conclusosi nel 1997. Insomma, “Il progetto di legge è morto – ha detto Carrie Lam prima di incontrare i suoi consiglieri nel Consiglio esecutivo – mentre il lavoro del governo nel modificare la legge è stato un fallimento completo”. La governatrice si è poi detta disposta ad incontrare gli oppositori: “Ho capito che ci sono dei problemi profondi nella società e il nostro compito è quello di individuarli per offrire soluzioni per andare avanti”. Lam ha poi rassicurato i suoi oppositori: “Non esiste alcun piano per riesumare la discussione del provvedimento prima della scadenza di questo governo”. Nonostante l’uscita di…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche FuoriDalMondo