I CINQUE PROBLEMI CHE AFFLIGGONO IL “PARTITO DEI VENETI”

di ALESSANDRO MORANDINI La nascita del Partito dei Veneti è stata interpretata da molti indipendentisti come il raggiungimento di un tardivo ma importante traguardo, che procurerà i vantaggi che da decenni le varie formazioni indipendentiste hanno promesso e non sono riuscite a realizzare proprio a causa della loro divisione. Si tratta di una lettura molto semplicistica, che sconta o elude importanti problemi che ci si troverà a dover affrontare. Un primo problema, che sembra già manifestarsi, riguarda la comunicazione. Nella misura in cui il Partito dei Veneti esplicitamente perseguirà l’indipendenza del Veneto (rinunciando, per esempio, ad utilizzare nella comunicazione pubblica termini vaghi come autogoverno o autonomia e decidendo di utilizzare il solo termine indipendenza), esso avrà tutto il diritto di sentirsi parte importante della galassia dell’indipendentismo veneto. Ma essere una parte importante dell’indipendentismo veneto non significa essere la parte più importante. La forza di un partito indipendentista (ma non è ancora chiaro se il Partito dei Veneti resterà un partito indipendentista), proprio perché esso costituisce…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche PensieroLibero