IL GOVERNO NON CI SALVERÀ DAI “BIG MEDIA”, CHE SONO NEMICI DELLA LIBERTÀ DI PAROLA

Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!

di DALE STEINREICH   Un presidente americano in carica viene sospeso da Twitter, Facebook e dal fornitore di servizi e-mail Campaign Monitor. Un imprenditore di cuscini non solo perde i suoi account Twitter personali e aziendali, ma anche dieci negozi al dettaglio per aver creduto che le elezioni del 2020 siano state rubate a Donald Trump. Bank of America (BOA) ha dato alle autorità federali di polizia i registri di 211 dei suoi clienti che hanno fatto acquisti con una carta di credito o di debito BOA a Washington, DC, intorno al periodo della rivolta del 6 gennaio. Queste e una miriade di altre rivelazioni hanno scatenato la furia dei conservatori, di opinionisti conservatori come Tucker Carlson, nazionalisti e sostenitori di Trump. Ma cosa molti di loro pensano sia responsabile di tutto questo, alla radice? Per quanto riguarda la penetrazione interna, la commissione ha scoperto che circa cinquanta dipendenti di organizzazioni mediatiche statunitensi erano risorse della CIA che lavoravano come giornalisti o collaboratori. Più di…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!
Rubriche ControPotere