IL REDDITO DI CITTADINANZA È COME IL LUDDISMO: CREA INVIDIA E MISERIA

di JAVIER MILEI Le libertà individuali sono spesso minacciate da coloro che sono fatalmente arroganti e cercano di imporre alla società il loro giudizio su ciò che è moralmente superiore. È in questo quadro che è nato il nuovo gioiello socialista: il reddito universale o reddito di cittadinanza, che cerca di correggere l’emergente disuguaglianza del progresso tecnologico, contenendo i disoccupati attraverso la ridistribuzione del reddito, che, presumibilmente, aumenterebbe i consumi e la crescita. Tutto molto bello, tranne il fatto che è una sciocchezza. E’ una sciocchezza per due motivi: 1-Nasce da una falsa premessa (fallacia luddista); 2-Il risultato erroneo è tentato di essere corretto dall’azione violenta dello Stato attraverso una politica fiscale ridistributiva. Guardiamo alla fallacia facendo un esempio. Supponiamo che un produttore di tessuti sia a conoscenza di una macchina in grado di realizzare cappotti, utilizzando solo la metà della manodopera precedentemente richiesta. Quindi installa la macchina e licenzia metà del personale. A prima vista sembra che ci sia stata una netta diminuzione dell’occupazione….

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche ControPotere