IL SALVINI OSANNATO E LE SOLUZIONI SBAGLIATE

di AMILCARE ALDRICH Da mesi osservo con attenzione l’inarrestabile ascesa di Matteo Salvini e dei suoi leghisti rampanti. Nessuno riesce a contenerlo, a limitarlo, neppure il suo pari grado Di Maio, che proprio per questo ha richiamato il Diba dal Guatemala. La recente scelta di Salvini di rinunciare all’immunità e di farsi processare perchè starebbe “difendendo i confini della patria secondo i dettami della Costituzione”, non farà altro che aumentare ancor di più lo sfavillio massmediatico del personaggio che si è cucito addosso: ci mancava solo che lo facessero anche passar per vittima. In molti giustificano il suo successo elettorale con la scelta di abbandonare le tematiche secessioniste e di buttarsi “anima e core” a difendere l’Italia tutta, da nord a sud. Ormai quando va al sud lo abbracciano, gli fanno persino il bacia mano e lui gira fisso con la divisa della Polizia. Eppure la difesa dell’italianità sembra stridere con i suoi cavalli di battaglia. Salvini infatti vuole risolvere il problema dell’immigrazione clandestina. Basterebbe…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche PensieroLibero