IN ESTATE L’ITALIA PULLULA DI “AUTOMOBILISTI CRIMINALI”: E I VIGILI LI MULTANO!

di LEONARDO FACCO L’Estate è una stagione che incentiva il crimine. Non ci credete? Andiamo per gradi e partiamo dalla notizia più recente, raccontata dal quotidiano Il Tirreno: “Giuseppe Ranaudo, un maître d’hotel, ha lasciato la Mercedes Classe C parcheggiata sotto casa, a Montecatini (Pistoia), con il finestrino posteriore destro aperto, e si è ritrovato il verbale sotto il tergicristallo. Il motivo è scritto nell’articolo 158 del Codice della strada: «Durante la sosta e la fermata il conducente deve adottare le opportune cautele atte a evitare incidenti ed impedire l’uso del veicolo senza il suo consenso». Se no, scatta una multa di 39 euro. La ratio della norma è che un ladro potrebbe impossessarsi facilmente della vettura, e magari commettere un crimine (pure l’Assicurazione, se si ha la polizza contro il furto, potrebbe non risarcire il cliente per aver favorito il ladro). Inoltre, ipotizzando che la macchina è parcheggiata in pendenza, un bambino potrebbe accedere all’abitacolo, e magari agire sul freno a mano, divenendo un pericolo per…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche PensieroLibero