martedì, Giugno 28, 2022
23.1 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

La giungla non è il libero mercato, ma una società fatta di coercizione, furto e parassitismo

Da leggere

di MURRAY N. ROTHBARD

Un’accusa comunemente rivolta alla società di libero mercato è che istituisce “la legge della giungla”, del “cane-mangia-cane”, che rigetta la cooperazione umana a favore della concorrenza e che esalta il successo materiale in contrasto con i valori, la filosofia o le attività di svago.

Al contrario, la giungla è precisamente una società fatta di coercizione, furto e parassitismo, una società che demolisce le vite e i livelli di vita. La pacifica concorrenza di mercato dei produttori e dei fornitori è un processo profondamente cooperativo in cui ciascuno si avvantaggia e dove il tenore di vita di ognuno fiorisce (se paragonato a che cosa sarebbe in una società di non-liberi).

E l’indubbio successo materiale delle società libere fornisce il benessere generalizzato che ci permette di godere una quantità enorme di svago rispetto ad altre società e di occuparci delle questioni spirituali.

È nei Paesi coercitivi con poca o nessuna attività di mercato, soprattutto sotto il comunismo, che la frantumazione dell’esistenza quotidiana non soltanto impoverisce materialmente le persone, ma infiacchisce il loro spirito.

- Advertisement -

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti