LA LEZIONE DI CATTANEO: CLASSI POLITICHE PUSILLANIMI ED OPPORTUNISTE

di ANDREA BENZI Esiste un testo che rappresenta una lettura obbligata per tutti coloro che sono animati, nonostante tutto e tutti, dal sentimento di poter cambiare la struttura politica dell’Italia in modo radicale e rivoluzionario. Questo testo è un vecchio libello di Carlo Cattaneo, personaggio che negli ultimi tempi ha ridestato un qualche interesse (quest’anno ne ricorre il duecentesimo anniversario della nascita), tirato per la giacca dai confusi e populistici epigoni di un federalismo ambiguo ed antinazionale. Mi riferisco a “Dell’insurrezione di Milano nel 1848 e della successiva guerra”: tale libro venne scritto in un momento di particolare sconforto per le forze politiche sostenitrici dell’idea di un’Italia politicamente unita nei suoi confini naturali, reduci come erano quelle forze dalle illusioni maturate e, soprattutto, dalle immediate sconfitte subite durante il 1848, l’anno che vide la confusa insurrezione di città e stati dell’Italia preunitaria contro il dominio austriaco. Una volta depurato il testo dai riferimenti contingenti e datati, il suo contenuto, le sue proposizioni, gli eventi e…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche ControPotere