LEW ROCKWELL: “I LIBERALI SI SONO VENDUTI ALLO STATO”

di FRANCO CAGLIANI Llewellyn “Lew” H. Rockwell, Jr, nato a Boston, il primo luglio 1944, è un economista statunitense, esponente della scuola austriaca, commentatore politico e attivista. Pubblicamente, ha sostenuto la candidatura alle presidenziali del 2008 di Ron Paul, il suo blog è uno dei più importanti tra quelli libertari a livello mondiale e, nel 1982, ha fondato ad Auburn (Alabama) – insieme alla vedova di von Mises – il “Ludwig von Mises Institute”, di cui è presidente. Rockwell è un vero liberale coerente. “Mi piace il termine liberale perché il vero liberalismo è il nostro patrimonio – spiegava in una intervista rilasciata a Jhonsson -. L’idea originale prevedeva che la società si autogestisse, e questa è la più grande idea politica mai sviluppata nella storia dell’umanità. Purtroppo, però, con l’avvento del New Deal e l’avvento dell’Era Progressista, i liberali si sono venduti allo Stato. I progressi nell’economia e nella filosofia politica, rispetto ad allora, hanno dimostrato che si tratta di un termine inappropriato. Non…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche ControPotere