PUIGDEMONT A SÁNCHEZ: “LIBERA I PRIGIONIERI POLITICI CATALANI”

di MARIETTO CERNEAZ “Questa non è la fine del viaggio. D’ora in poi continuerò il mio viaggio in tutta Europa. Viaggerò in ogni angolo del nostro continente per difendere la giusta causa del popolo catalano”. Lo ha detto Carles Puigmentot, rientrato a Bruxelles, dove s’era rifugiato lo scorso autunno, dopo che le accuse contro di lui sono decadute. L’ex presidente della Generalitat è da mercoledì in Belgio senza più correre il rischio di estradizione in Spagna, dopo che il Tribunale supremo di Madrid il 19 luglio ha ritirato il mandato di cattura internazionale in seguito al rigetto dei giudici tedeschi della richiesta di estradizione per ribellione ritenuta illegittima e accogliendo solo l’accusa, molto meno grave, di malversazione per l’utilizzo di fondi pubblici durante l’organizzazione del referendum per la separazione della Catalogna dalla Spagna. Puigdemont non ha smesso di combattere per la causa, anzi, ha annunciato in conferenza stampa che la sua battaglia per l’indipendenza proseguirà in tutta Europa e dopo la nomina del nuovo premier spagnolo,…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche FuoriDalMondo