TOBIN TAX: NON SOLO NON È EQUA, MA È ANCHE STUPIDA

di MATTEO CORSINI

Di tanto in tanto si sente parlare di Tobin Tax europea, una tassa sulle transazioni finanziarie ideata da James Tobin, tanto cara a chi vede il diavolo in ogni transazione finanziaria, ma che non ha mai avuto (fortunatamente, a mio parere) successo laddove sperimentata.

Tecnicamente il problema della Tobin Tax è che, per raggiungere lo scopo dei proponenti, dovrebbe essere adottata ovunque, altrimenti penalizza le piazze finanziarie dove è prevista a favore delle altre. Lo stesso Tobin si rese conto che si trattava di una condizione di inverosimile realizzazione (fortunatamente, a mio parere).

Fatto sta che all’indomani della crisi dei debiti sovrani in Area euro, si creò una cooperazione rafforzata tra Italia, Francia, Germania e Spagna per arrivare a una Tobin Tax europea. In attesa di raggiungere un accordo Italia e Francia, che quando si tratta di mettere tasse sono sempre le prime della classe, introdussero una loro versione domestica di Tobin Tax.

Il governo Monti stimò un gettito di un miliardo all’anno, ma la tassa non ha mai raccolto neppure un decimo di quella somma (fortunatamente, a mio parere). Ciò non significa che non abbia fatto danni: infatti ha ridotto la liquidità sulla Borsa italiana e ha contribuito ad aumentare la volatilità. Tra l’altro, la tassa colpisce anche i trasferimenti di azioni di società non quotate, operazioni che appare bizzarro definire “speculative”. Perché, almeno a parole, i proponenti è la “speculazione” che vogliono colpire. Nonostante i risultati negativi raggiunti sia in Francia, sia in Italia, che non hanno voluto fare tesoro dell’esperimento fallito in Svezia negli anni Novanta, adesso il commissario Ue agli affari economici, il socialista francese Pierre Moscovici, dichiara per l’ennesima volta che l’accordo sarebbe vicino. E aggiunge: “Io sono sempre stato favorevole alla tassazione sulle transazioni finanziarie… sarebbe molto importante per una questione di giustizia, equità fiscale, di etica. Io spero che si possa andare avanti fino in fondo.”

Non esiste una tassa giusta, men che meno equa. E non c’è nulla di etico nella tassazione, qualunque essa sia. Non può essere etico imporre un pagamento dietro la minaccia dell’uso della violenza. Se poi la tassa funziona come la Tobin Tax, è pure stupida.

CONDIVISIONI
Rubriche Denari