giovedì, Maggio 23, 2024
14.1 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Tria: il debito pubblico è un buon affare

Da leggere

di MATTEO CORSINI

In tour negli Stati Uniti, cercando di rassicurare gli investitori, il ministro dell’Economia Giovanni Tria ha detto, tra le altre cose, che “il debito pubblico italiano è un buon affare. Offre dei buoni rendimenti”.

Come non ricordare l’inizio del 2016, allorquando l’allora presidente del Consigio Matteo Renzi andava sostenendo che MPS era un buon affare. Chi (incautamente) avesse comprato azioni MPS fidandosi del guru di Rignano sarebbe rimasto in mutande.

Tria, non contento, ha aggiunto che “è riconosciuto che il debito italiano è sicuro” anche perché “la partecipazione all’Unione monetaria europea non è mai stata messa in discussione.”

E’ talmente riconosciuto che, tra i titoli di Stato dell’eurozona, quelli italiani rendono meno solo di quelli greci. Non da ultimo perché diversi esponenti della maggioranza e del governo, soprattutto nella primavera/estate del 2018, hanno più volte messo in discussione la partecipazione all’Unione monetaria.

Uno può essere favorevole o contrario, ma non dovrebbe negare l’evidenza per cercare di rasserenare gli investitori cercando di smorzare i loro dubbi.

Dato comunque il precedente in materia di “buon affare”, credo che i pagatori di tasse italiani, ossia coloro che, in ultima analisi, sopportano il peso del debito pubblico, siano legittimati a ricorrere a tutti i rituali scaramantici (anche i meno eleganti) che ritengano opportuni.

Correlati

2 COMMENTS

  1. Un fatto che mi rimase ben impresso sino ad oggi, nonostante sono trascorsi tanti anni. Avvenne nel cortile della Scuola, un carro trainato da un Asino portò a scuola un carico di legname da ardere per l’Inverno. Il cocchiere liberò l’asino mentre scaricavano il carico. L’Asino apparentemente molto stanco ed affamato, dopo un profondo sospiro si mise a defecare nel cortile della scuola. Non appena terminato di defecare l’asino apparentemente di buon appetito, si mise a rimangiare ciò che aveva defecato. Questa storiella chiamiamola pure una parabola che si riproduce nei tempi. Prodi, Damato, Monti, Renzi, Tria e tanti altri Guru pseudo Politici o Economisti senza coscienza definiti cocchieri, trasportano il loro prodotto che é null’altro che balle, e mentre scaricano il carico di balle poichè non sono capaci di altro, liberano gli asini che li supportano per rifocillarsi di ciò che hanno defecato. Non so se avete capito bene la parabola che riguarda il nostro Paese in continua decadenza sino ad imitare il gesto dell’asino. Il Debito Pubblico che rappresenta ciò che hanno prodotto e defecato i nostri grandi Guru del passato, é pronto per essere riportato a tavola e servito per chi piace e chi non piace.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Articoli recenti