VENEZUELA: NON SALVATE IL SOLDATO CHAVEZ, IL VERO CRIMINALE ERA LUI

di LEONARDO FACCO Mentre il braccio di ferro tra i “due presidenti” del Venezuela continua, mentre si attende l’arrivo degli aiuti umanitari e in attesa di sapere se – una volta per tutte – Maduro finirà nel dimenticatoio della storia o perpetuerà la sua esistenza come novello castrista, urge ricordare che la situazione socio-economica del paese è semplicemente disastrosa, in rovina, nulla è cambiato in meglio rispetto ad un mese fa. Qualche giorno fa, il regime però ha celebrato i 20 anni dell’avvio della rivoluzione bolivariana, ufficialmente insediatasi il 2 febbraio 1999, dopo che Hugo Rafael Chavez Frias vinse le elezioni del dicembre del 1998, dopo che Hugo Rafael Chavez Frias passò alla storia per aver tentato un colpo di stato (sempre a febbraio) nel 1992, che causò decine di morti innocenti. Già, Hugo Rafael Chavez Frias, l’eroe degli immondi, continua ad essere solamente sfiorato dalle accuse di coloro che, finalmente, han preso coscienza del fatto che il Venezuela è un inferno totale. Eppure, i…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche FuoriDalMondo