VENEZUELA, ARRESTATO UN CRITICO DEL REGIME. INFLAZIONE AL 46.000%

di MARIETTO CERNEAZ Il regime risponde alle critiche con la persecuzione, come insegnato sin dai tempi di Hugo Chavez, allievo di Fidel Castro. Alfredo Coronil Hartmann – riporta Tiempo Latino, quotidiano in lingua spagnola pubblicato a Washington – uno scrittore e politologo settantacinquenne, è stato intercettato e arrestato domenica sera dal Servizio nazionale bolivariano di intelligence (Sebin), la polizia politica del regime venezuelano. L’arresto è avvenuto mentre guidava lungo la superstrada orientale, nei pressi dell’urbanizzazione Montalbán a Caracas, ha denunciato il leader dell’opposizione María Corina Machado, coordinatrice nazionale del partito “Vente Venezuela”. Hartmann è membro del Consiglio Consultivo dell’organizzazione “Soy Venezuela”. Figliatro dell’ex Presidente Rómulo Betancourt, che è stato il primo presidente del periodo democratico in Venezuela, nel lontano 1958, ed è editorialista di El Nuevo Herald, il quotidiano di Miami, assai critico con la dittatura chavista. Lo scrittore arrestato è un critico del regime di Nicolás Maduro, di cui ha descritto il governo come una tirannia, ovvero per quel che è. Solo a tarda notte…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche FuoriDalMondo