BAGNAI DICE CHE C’È FIDUCIA DELL’ITALIA…

di MATTEO CORSINI

Alberto Bagnai, presidente della commissione Finanze del Senato in quota Lega, è tra coloro che suggeriscono a Matteo Salvini la linea da tenere sulle questioni di finanza pubblica. In merito alla possibile apertura di una procedura di infrazione per debito eccessivo da parte della Commissione europea, Bagnai ha affermato:

  • “La procedura ha diversi stadi. Se ci fossero sanzioni, si valuterebbe se pagarle, visto che non ci sono precedenti. Poi c’è la reputazione, ma i mercati rigurgitano di liquidità e c’è fiducia”.

Resta da capire su cosa Bagnai basi la sua ultima affermazione, ossia “c’è fiducia”. Se veramente ci fosse fiducia, l’Italia non emetterebbe nuovo debito pagando 160-170 punti base in più di Portogallo eSpagna sulla scadenza decennale.

Il “governo del cambiamento” gode della fiducia dei due rami del Parlamento e, stando alle recenti tornate elettorali, della maggioranza di coloro che vanno a votare (ancorché a proporzioni ribaltate rispetto alle elezioni politiche del 2018). Ma quella fiducia non va confusa, diffondendo messaggi fuorvianti, con quella da parte degli investitori.

La quale potrebbe essere anche inferiore a quella attuale, ma di certo da un annetto a questa parte non è straripante.

Print Friendly, PDF & Email
Rubriche Denari