CHI COMANDA INVOCA IL VOTO. LA DEMOCRAZIA CHE DISTRUGGE LA LIBERTÀ

di JAMES BOVARD Se una potenza straniera si impadronisse degli Stati Uniti e obbligasse i cittadini americani a rinunciare al 40% dei loro redditi, imponesse loro di conformarsi a decine di migliaia di differenti obblighi (il contenuto di molti dei quali è però tenuto a loro ignoto), proibisse a gran parte di loro di usare le proprie terre, e negasse a molti la possibilità di lavorare, vi sarebbe unanime riconoscimento del fatto che la popolazione si troverebbe sotto una tirannia. Eppure la principale differenza tra la realtà corrente e lo scenario dell’invasione straniera sta nelle forme democratiche attraverso cui il potere dello Stato è oggi consacrato. Vi sono pochi errori così pericolosi nel pensiero politico come quello di ritenere che democrazia e libertà coincidano. Sfortunatamente, questo è uno degli sbagli più diffusi in America e una delle principali ragioni per cui sono rimasti così pochi limiti al potere dello Stato. Come osservò il Nobel F. A. Hayek in un discorso del 1976, “La parola magica…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche ControPotere