COME FUNZIONA L’ECONOMIA FASCISTA? PROPRIO COME VORREBBERO I SOVRANISTI

di EDDIEW23 Il fascismo come dottrina politica è ampiamente conosciuto, eppure è poco conosciuto come sistema economico. Il padre indiscusso del fascismo fu Benito Mussolini e come capo di Stato, dal punto di vista politico, la sua idea era finalizzata alla creazione di uno Stato imprenditore, inteso come unione monolitica tra popolazione e governo attraverso il caudillismo o populismo nazionalista, la violenza istituzionale e la propaganda. Fin dalla sua creazione, diversi governi (marxisti compresi) hanno adottato tutta o parte della dottrina politica fascista nella pratica, ma cercando di negarne la sostanza alle masse, onde evitare l’associazione con i regimi come la Germania nazista. Ma dal punto di vista economico, il fascismo si allontana dal suo concetto politico, dato che punta al consolidamento dello Stato corporativo, che è stato e continua ad essere molto utile per i politici, a spese di una popolazione costretta a sostenerlo con oneri fiscali. Il governo e la popolazione non sono più idealizzati romanticamente come unità corporativa, ma il fascismo si…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche ControPotere