IMPEGNO E COERENZA DELL’INDIPENDENTISMO VENETO

di ENZO TRENTIN Sono favorevole all’autodeterminazione di tutti popoli; quello veneto compreso naturalmente. Tuttavia in seno all’indipendentismo marciano ci sono idee molto diverse. Ma in democrazia, come suggeriva Socrate, è necessario discutere avendo la modestia di non pretendere a priori d’aver ragione. E laddove alcuni pseudo indipendentisti che non godono del mio apprezzamento dimostrassero che io ho torto, tutti ne usciremmo arricchiti e non sconfitti. Ciò premesso, argomenterò sugli auto certificati e spurii indipendentisti veneti prendendo a pretesto un aneddoto personale. A una conferenza propedeutica sulla migliore strategia aziendale, tenutasi con il patrocinio e presso la sede di una delle banche popolari venete oggi passate alla cronaca per aver messo in serie difficoltà circa 220.000 risparmiatori autoctoni, ho assistito a un chiaro esempio dell’uso protettivo della coerenza. La riunione era presieduta da due giovani volenterosi che cercavano di reclutare nuovi adepti, vantando le miracolose capacità della loro tecnica promozionale e propagandistica: seguendo il loro programma si potevano ottenere i più diversi successi, ivi compresi quelli…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche PensieroLibero